Biodiversità nella Risaia

La risaia non è sicuramente un ambiente facile, valutando che la sua umidità porta allo sviluppo di una flora che può soffocare in parte le piante di riso. La coltivazione biologica ne contrasta il processo con metodi agronomici (scienza della coltivazione delle piante) e meccanici che prevedono l’utilizzo di particolari macchinari da usare prima della semina del riso, per togliere l’erba che intanto è comparsa. Una successiva strategia è quella di scegliere di coltivare differenti tipologie di riso a taglio alto, più concorrenziali. Le due strategie insieme consentono di diminuire le infestanti, senza toglierle definitivamente, così da raccogliere un alimento sano, da un ambiente senza residui chimici e pieno di vita: la risaia si popola di rane, libellule, insetti di ogni genere e, volendo, persino di pesci da allevamento. Il tutto con un considerevole risparmio economico. 

Precedente Cura alle allergie e intolleranze Successivo Ecoturismo - Parco di Portofino