IL MONOLOCALE: la sfida.

3-Small-open-plan-apartment-design monolocale

Per definizione il MONOLOCALE è considerata come abitazione a pianta libera, in cui deve essere garatita, una dotazione minima:

  • un ambiente multiuso dimensionato in relazione al numero di utenti

  • una stanza da bagno.

Le superfici minime degli spazi obbligatori delle abitazioni a pianta libera sono:
– un ambiente multiuso per un utente: 28 mq;
– un ambiente multiuso per due utenti: 38 mq;
– una stanza da bagno: 4 mq con lato minore non inferiore a 1,5 m.

L’autonomia riconosciuta ai Comuni in materia di regolamento edilizio, causa differenze per le superfici minime dei  locali stabilite dalla normativa nazionale. Perciò ogni Comune avrà vincoli e limitazioni differenti. MONOLOCALEDormire, mangiare, guardare la tv, accogliere gli amici, giocare. Tutto in un unico ambiente, insieme: soggiorno, cucina, sala da pranzo e camera da letto.  monolocaleNella vita, come nell’interior design, c’è chi davanti alle difficoltà fugge a gambe levate, e chi le affronta in modo creativo, riuscendo a realizzare qualcosa di unico.

Trovare la soluzione migliore per un appartamento MONOLOCALE, può diventare una sfida affascinante, soprattutto quando si tratta di piccoli appartamenti in cui bisogna cercare di ottimizzare al meglio lo spazio a disposizione.

Quando gli spazi sono minimi e le necessità tante, non resta che aguzzare l’ingegno e progettare lo spazio creando soluzioni che ben si adattano alla metratura a disposizione. Impresa difficile quanto stimolante, che mostra la bravura del designer nell’ interpretare lo spazio e il gusto della committenza.idee-e-consigli-per-arredare-un-monolocaleProprio perché abbiamo a che fare con degli spazi ridotti è necessario armonizzare il tutto e farlo con stile, per evitare una “accozzaglia” di cose, mobili e oggetti che non hanno nulla in comune tra loro, se non il fatto di essere stati messi lì, per puro caso. Scegliete comunque colori caldi e tenui ed evitate tinte forti.
Molto importanti sono i colori delle pareti. La luce, sia quella naturale che quella artificiale, dipenderà molto dalla tinteggiatura dell’ambiente circostante; preferite quindi colori caldi e chiari, come l’avorio, il rosa tenue, il glicine chiaro, il grigio tortora oppure un doppio colore, leggermente più scuro per la parete della cucina o della testata del letto e di un tono più chiaro per la restante parte.

MONOLOCALE-living-room-design-ideas-2012-1-554x4861L’elemento chiave per il monolocale: la scelta dell’arredamento. Date libero sfogo alla vostra fantasia ma non esagerate con mobili e suppellettili. Scegliete le tinte naturali del legno per esempio il rovere sbiancato o il faggio e, comunque, evitate mobili troppo scuri che appesantirebbero l’ambiente.
Non dimenticate di utilizzare tutti gli spazi disponibili selezionando pochi mobili ad hoc con funzione di deposito. In commercio, infatti, è possibile trovare numerosi modelli di sedie, pouf e tavolini che dispongono di uno spazio contenitivo. In tal modo disporrete di ampio spazio per coperte, riviste ed altri oggetti che normalmente ingombrerebbero dando un senso di disordine e una visione caotica dell’appartamento.

letto-monolocaleAlla fine, quando tutto avrà una sua giusta collocazione, aggiungete quel tocco che vi sembrerà opportuno per personalizzare al meglio il vostro angolo di mondo: il  MONOLOCALE !