Quarzite: materiale per cucine al top.

La quarzite è un materiale composito utilizzato per la realizzazione di piani lavoro per cucine di ultima generazione, ideale per quanti non amano i classici materiali come l’inox o le pietre.

In questo approfondimento analizzeremo pregi e difetti dei top per cucina i quarzite.

La cucina è uno degli ambienti che vi riempirà di dubbi, ma allo stesso tempo vi ricoprirà di soddisfazione, questo perchè la scelta dei vari elementi, la loro posizione e la scelta dei materiali non è semplice.

La cucina infatti è lo spazio quasi sempre più vissuto e utilizzato della casa quindi oltre che all’estetica, in cui possiamo davvero sbizzarrirci, è importante valutare la resistenza e la manutenzione dei materiali che andremo a scegliere.Legno, Corian, resina, laminato, acciaio, pietra: sono tante le possibilità per realizzare i rivestimenti della propria cucina. E poi ancora, nelle finiture laccata, lucida oppure opaca, in total white o nero, nei colori più sgargianti e brillanti, o nei caldi toni della sabbia e terra. E lo spessore del top? Ultra slim (al di sotto di 0, 5 centimetri) per un effetto invisibile oppure piani molto spessi (da 10 centimetri in su), quasi a volerne sottolineare la loro matericità. Il piano cucina, o il top cucina, è sicuramente la parte della nostra cucina esposta maggiormente all’uso quotidiano. Tagliare i cibi, appoggiare le pentole bollenti o preparare degli impasti sono tutte attività che possono facilmente danneggiare il nostro top cucina. Proprio per questo, il materiale del piano di lavoro dev’essere robusto e resistente, adatto all’uso quotidiano e piuttosto facile da pulire.Per orientarsi nella vasta offerta però è meglio farsi guidare non solo dal gusto personale e dallo stile della casa, ma anche dalle esigenze pratiche di utilizzo e naturalmente, dal budget a disposizione. Ogni materiale infatti ha le proprie caratteristiche e prestazioni. In questo approfondimento, prenderemo in considerazione il top in quarzite.I piani in quarzite vengono generalmente realizzati con miscele di quarzo e resine. Sono prodotti in lastre di grande formato, impermeabili, resistenti agli urti, agli sbalzi termici e alle macchie. La superficie in quarzite ha un aspetto sofisticato, conserva il tatto e il peso della pietra naturale, ma con caratteristiche superiori. Utilizza più del 90% di quarzo, così come cristallo, vetro e resina poliestere. Tutti questi materiali vengono compattati ad alta pressione e a una temperatura costante. Rilevante è la sua resistenza alle macchie, ai graffi, agli urti e all’abituale attacco degli acidi nell’uso domestico, così come le sue proprietà batteriostatiche. La quarzite non è un materiale poroso, quindi non assorbe liquidi, odori e grassi alimentari, il che lo rende un materiale altamente igienico e molto facile da pulire. Comprende una vasta gamma di colori stabili, non soggetti a variazioni cromatiche naturali come marmi e graniti, per personalizzare al massimo la propria cucina.quarziteLa quarzite però presenta anche alcuni difetti.

  • Minore tolleranza al calore rispetto ad altri materiali, ad esempio il granito; si consiglia quindi di evitare il contatto diretto con fiamme od oggetti surriscaldati, come le pentole appena tolte dal fuoco.
Precedente Rame: l’elemento metallico nel vostro arredamento Successivo La panca. Catalizza l’attenzione e cattura col proprio fascino.