DSC_3475

Ammettiamolo!

La mattina per accompagnare i nani, un’idea folle ci avvolge. Ci tenta, si vorrebbe insidiare. Ma sì: uscire di casa con un’anonima tuta, scarpe da ginnastica, favolose occhiaie sexy spudoratamente in vista e struccatissima, perchè no? Io ho sonno!

Sottili particolari a cui prestare la massima attenzione. Quando una donna lavora fuori casa è quasi costretta, per ragioni sociali mettiamola così, a rendersi leggermente carina. Presentabile, ecco.

Spesso, troppo spesso, ci dimentichiamo di farlo per noi stesse. E quando ciò accade, è un tradimento personale. Nascondiamo la nostra femminilità. Una mamma infelice, non rende felice nessuno. Nemmeno se stessa. Una donna infelice, pure.

A volte, si deve partire dalla vetta. Il fuori. Il nostro aspetto, parla intimamente di noi. I nostri occhi allo specchio. Una luce che ci appartiene. Dentro e fuori. E viceversa.

Certo, la mattina hai sonno, molto sonno! Tu e i tuoi occhi quasi abbottonati. E pure un po’ gonfi. Fa anche freddo a dirla tutta. Truccarsi? Che? E invece sì! Quasi un dovere morale verso di noi. Per i nostri cuccioli, che guardandoti ti dicono:

mamma sei bella! Esiste un complimento più immenso? Love.

Parola d’ordine: praticità

Noi ottimizziamo i compiti la sera: zaino, merenda, abiti, doccia. Eccetera. La mattina, io mi alzo dieci minuti prima del nano. Metto su la colazione. Mi preparo al volo. Acqua fresca per il viso. Un evergreen, soprattutto per i famosi occhi abbottonati. Una crema idratante (adesso sto provando la Nouvance Byo System, pagata pochissimo) e poi, il contorno occhi. Troppo laborioso? Faccio tutto in cinque minuti eh! Chiamatele se volete, abilità mammesche, o del sesso femminile in genere. 😉

Tornando a me. Beato correttore.

Uscire senza? Ma siamo pazze? Ultimamente sto usando quello illuminante di Bottega Verde, mi piace abbastanza. Fluido. Tampono e spalmo bene con le dita. Una texture leggera.

Cipria

Per esser super veloce, una spolverata di cipria. Sto utilizzando la minerale di Benecos, non è proprio il massimo come tonalità (nel senso che ha poca scelta per i colori), ho preso il sand, ma io sono un pelino più rosea. Però però, per i ritmi mattinieri, quando non hai voglia di stare lì a miscelare il fondo minerale col kabuki, va più che bene! Tra l’altro, della stessa linea, ho il blush nella sfumatura Sassy Salmon. Questo invece mi soddisfa. Non è aranciato come sembra nell’immagine (aprite il link). Una spennellata sul viso, e sei subito più luminosa. Aria fresca.

Mai senza il lucidalabbra

Mi piacciono i Crazy Rumors, presi sempre su Ecco Verde. Esistono in una marea di tonalità. Non sono super idratanti, ma nutrono abbastanza e danno un tocco di colore vivace e brillante.

E il mascara?

Non esco quasi mai senza applicarlo. Già ho delle ciglia mezze bionde e nemmeno folte. Troppe schifezze chimiche da giovincella? Chissà. Una passatina veloce di rimmel è d’obbligo. A me piace l’effetto ciglia finte, però di prima mattina, il look fresco e natural fa al caso mio! Se non ho tempo, lo passo (il mascara) con disinvoltura al semaforo. Ehehehe lo so che mi capite!

Controllo veloce pre scuola

Zaino?

Ok!

Merenda?

Eccola.

Ombrello (se piove), poncho e cose varie.

Ci siamo.

Io e il nano?

Pronti 😉 Si parte per la scuola.

Per evitare di tornare indietro a metà strada 😉

Quanto al mio look selvaggio?

Un jeans, una scarpa comoda, un dettaglio carino, (tipo mollettina di Hello Kitty si può?) e già mi vedo più graziosa. Troppo facile trascurarsi, il difficile poi, è nel ritagliarsi momenti per il ‘recupero’ di sé. Nulla di effimero, tutta sostanza.

Per il nano: tute colorate e morbide. Libertà e comodità nell’abbigliamento, sono essenziali per i cuccioli a scuola. Aboliti i jeans!

E poi certo, dimenticavo. Un particolare di gran classe: il sorriso 😉

Siamo mamme, possiamo essere anche carine! Ma anche un po’ fighe secondo me, che ne dite?

[Tweet “La bellezza è nel modo in cui noi ci guardiamo…#sapevatelo!”]

E voi? Sempre di fretta come me? A cosa non rinunciate prima di uscire? Raccontatemelo con un commento.