Come una bambina emozionata e fiduciosa davanti i doni inaspettati di babbo Natale, così io. Io donna, io mamma. Un po’ desperate housewife a volte. Spesso. Curiosa, davanti il pacco del corriere. Un dono gradito che, stavo aspettando impaziente; in collaborazione con FattoreMamma e Philips Italia, per testare un nuovo elettrodomestico dal design accattivante, e dai poteri magici…o quasi: Philips PerfectCare Pure.

ph1-1024x707

Un ferro da stiro a caldaia di nuova generazione. Compatto, leggero, elegante. Fin qui ci siamo. La vera particolarità del prodotto, è la rivoluzionaria tecnologia Optimal Temp. Non faccio la complicata, vi spiego subito cosa significa: avete presente quando siete abbastanza negate, no voglio dire pessime, ops, beh ecco poco inclini alla gestione domestica? Già! Più odi profondamente riordinare casa, più ami pazzamente gli elettrodomestici supermoderni che, ti rendono più easy il tutto. Io e il marito versione homeworking:

ph11

ph12

Bene, il sistema Optimal Temp, grazie ad un processore avanzato e la camera ciclonica integrata, permette di stirare qualsiasi capo (tutti quelli che consentono la stiratura in etichetta) senza bisogno di regolare la temperature ogni volta: lana, cotone ecc. Insomma fa tutto lui, perchè lui, è smart! Regola il flusso di vapore e le temperature automaticamente, a seconda dei capi, senza bisogno di fare altro…pronte? Arriva la quasi magia.

phh-1012x1024

Se tu lasci un attimo il ferro sulla tavola mentre stai stirando, perchè il nano ti ha chiesto:

-l’acqua

-il succo

-il panino

-l’aereo di carta, anzi no, una nave ultramoderna (di carta)…e nel frattempo stavi anche rispondendo ad un messaggino su WhatsApp; lui il PerfectCare, non ti lascia la chiazza di ferro stampata lì, pronta a ricordarti quanto sei imbranata, per niente talentuosa, per le faccende domestiche. Lui lo smart, adatta intelligentemente la temperatura. Ovvio sono stata ironica, evitiamo di distrarci quando utilizziamo elettrodomestici, chiaro. La massima attenzione sempre e comunque. Però siamo umane, a chi non è capitata la stampa del ferro sull’asse? Forse alla suocera? #suocereanonime do you know? 🙂 Con questo prodotto la potete evitare.

ph

Come potete vedere, il mio sistema ‘io piego e poi stiro’ è infallibile! 😉 L’utilizzo è semplicissimo: inserite la cartuccia anticalcare, riempite con l’acqua fino al limite indicato. Un paio di minuti ed è pronto. Si può usare acqua demineralizzata, acqua del rubinetto, o acqua decalcificata dall’Iron Care di Philips. Io ho optato per la demineralizzata questa volta.

ph7-1024x629

ph6-1024x657

Inoltre, avete la possibilità di stirare in modalità Eco, riducendo il consumo elettrico e abbassando leggermente la potenza del vapore. Ho provato quest’opzione e i capi si stirano bene. Oppure lasciate in mode Optimal Temp velocizzando i tempi, chiaramente così, il consumo d’acqua e elettricità è leggermente superiore. A voi la scelta. Se vi sentite particolarmente zen quel giorno, e non avete fretta e montagne di panni da stirare, azionate Eco, altrimenti si va di Optimal Temp. Doppio click in verticale (attenzione a non bruciarvi) e date una bella svaporata per togliere le pieghe ostinate.

ph14

Senza ipocrisia, sono rimasta soddisfattissima del prodotto. Non solo bello esteticamente, pratico e tecnologico.

ph4-1024x816

Consigliatissimo per tutte quelle che amano stirare, (esistono?) ancora di più per le imbranate, impacciate, insomma fate voi, quelle proprio come me. Parola mia! A presto! Fatemi sapere se vi piace il ferro da stiro Philips PerfectCare! Ho un’idea: chiedetelo in regalo alla suocera #suocereanonime e poi vedremo! 🙂