…Noi adulti maturando, presi da stress, lavoro, economia casalinga, trascuriamo l’effetto inebriante, delle attività ludiche, la magia che scorre in un divertimento educativo, in una fiaba…Giocando allegramente, si impara… Ad essere se stessi, ad esprimersi, a creare con la fantasia storie incantate: protagonisti dei propri sogni indiscutibilmente, a credere in essi, senza considerarli astratti, realizzabili piuttosto…

429753_4696750982074_585172050_n

Nel giocoso universo dei bimbi, si apprende un piccolo insegnamento personale, in modo semplice, immediato, concreto…Quando sei mamma, torni a vivere impetuosamente, questa meravigliosa sfera esistenziale, la credevi sopita; aspetto che da donna impegnata, avevi nascosto in parte, a te…Le spontanee emozioni, che ti fan sentire, una serena adulta bambina, partecipe …Esperienze eccezionali: la gioia entusiasta e meravigliata, di tuo figlio, nel vedere un improvvisato e poco probabile, zio- Babbo Natale, subito smascherato peraltro, le tue risate emozionate, nel vivere il brioso evento…Sì, perchè tu da piccola, un vero zio-Babbo Natale, non l’avevi mai visto dal vivo! ;)…Il mondo fiabesco è terreno fertile per la sostanza umana, realisticamente significativo, espressione di valori diretti: amore, fiducia, coraggio, fedeltà, chi più ne ha più ne metta!…Le “favole allegoriche improvvisate”, sono il mio forte: “Il principetto capriccioso“, “Il terremotino disobbediente”, “Il furbetto di mamma“, col mio inconfondibile, tocco personale ;)…Spunti quotidiani, per trasmettere un semplice messaggio “formativo”, senza troppe pretese, genuinamente. Un gioco spensierato, è espressione libera, verità, nutrimento della fantasia, improvvisazione; una fiaba diviene scenario di fantastiche avventure, condite da un pizzico di realtà…Ciò che si apprende giocando serenamente, vale ancora di più, emancipato da rigide imposizioni: imparare una nuova lingua a piccoli passi, senza avvertire il peso del “dovere imposto”, con estrema facilità. Un pò come per noi adulti, quando col sorriso sulle labbra, svolgiamo un faticoso turno di lavoro: alzarti alle quattro pesa meno, se in ufficio trovi un ambiente gradevole e lieto; una battuta tra colleghi all’occorrenza, un’innocente risata!…Non sei meno professionale, se lavori in un clima piacevolmente propositivo, produci di più, perchè motivato. Ambita leggerezza, del non prendersi troppo sul serio, ingrediente che esula da rigidi schemi, false apparenze, ipocrisia. Un tesoro a cui ancorarsi saldamente, anche quando il vento, vorrebbe trascinarti in altre direzioni; mantenere in essenziali spazi di sé, l’aspetto giocoso del vivere la vita, appassionato, ciò che fa di noi, intimamente, delle persone serene e soprattutto mature…

A piccole dosi, buona leggerezza, siete d’accordo? 😉