Anzitutto Gioiosa Pasqua a tutti quelli che sentono questa ricorrenza.

Intesa come nuovo inizio. Nuovi incontri con noi stessi. La rinascita così inaspettata che nasce dal ridere di noi. Rinascita è una parola forte: vera, autentica e pura.

Ridere, sorridere e rinascere ogni istante. Un trio quasi perfetto.

Ma torniamo a noi:

avete presente quei tartufini di cioccolato? Quelli così invitanti, almeno per me.

Da piccola li adoravo e mio padre che, lavorava nel settore, mi diceva sempre di non prenderli, perché erano preparati con ingredienti ‘di scarto’ alimentare.

‘Ma no, prendi un’altra cosa, proprio questi vuoi?!’

E io testarda, praticamente de’ coccio, proprio quelli volevo. A me, quei tartufini di cioccolato piacevano troppo e non me ne fregava nulla del resto. Io li volevo!

Non che sia poi cambiata così tanto. Direi di no.

Volere è potere. Ne sono fermamente convinta.

Mi sono presa una lunga pausa da questo blog, lo sapete, sono in continua evoluzione; nel frattempo sono attiva sui miei canali social e sul gruppo tematico Facebook  che gestisco da circa due anni con entusiasmo. Il blog è sempre il mio diario poco segreto.

E’ mio e spesso mi manca. La mancanza è sempre lo stimolo interiore che avvia qualsiasi processo decisionale.

Cosa raccontarvi ancora?

E’ un periodo denso e carico, dove sto cercando di incanalare energie. Come quei tartufini, l’importante è sapere di volerli.

Mantenere sempre alta la nostra volontà di fare, desiderare, meritare, ascoltare ed accogliere. Lo so sono criptica, ma non così tanto.

Cosa vogliamo?

Secondo me è una domanda che ci poniamo troppo poco. Ho imparato a farmela spessissimo, e soprattutto a non stare ferma, ad agire. Sono iperattiva lo sapete.

Agire rende leggeri e liberi. Se i pensieri sono azioni, e io ci credo abbastanza, pensare per poi agire, diviene la nostra strada.

Per arrivare a questa strada occorre andare avanti, fermarsi quando siamo un po’ stanchi, a volte perdersi per ascoltarsi…

 

E ritrovarsi, sempre migliori.

Buon nuovo inizio…