Crea sito
giu
28
2012
0

Inquinamento, ecco le piante mangiaveleni

Inquinamento, un gran bel problema. E l’European Respiratory Society ha deciso di dedicare un intervento specifico su questo tema in occasione dell’European Respiratory Day che si è svolto il 27 giugno a Roma.

A proposito di miscele complesse di inquinanti indoor che possono provocare nel tempo effetti nocivi sulla salute di bambini, donne in gravidanza, persone anziane, persone sofferenti di asma, malattie respiratorie e cardiovascolari, si è parlato dell’aiuto che in molti casi può arrivare dalle piante, alcune capaci di svolgere una funzione di purificazione dell’aria.

Di chi parliamo? Ovviamente delle cosiddette piante ‘mangiaveleni’.

LEGGI ANCHE: CALDO, LE PIANTE SI ALLUNGANO PER SUDARE DI PIU’

Qualche nome: la Felce di Boston, lo Spatifillum o il Ficus benjamina, capaci di contrastare le emissioni di formaldeide ed altri inquinanti, ad esempio, o l’anthurium efficace contro l’ammoniaca.

Written by Valeria S. in: piante | Tag:
giu
25
2012
3

Olimpiadi 2012, rose ed erbe per i bouquet della vittoria

Sono sempre più vicine le Olimpiadi 2012 di Londra ed il Comitato Olimpico ha definito anche gli ultimi dettagli relativi alle cerimonie di premiazione degli atleti, compresi i bouquet floreali che verranno offerti ai vincitori.

La creazione del Victory Bouquet, spiega Tgcom24, è stata affidata a Jane Packer, uno dei più rinomati interior florist inglesi.

Per le Olimpiadi 2012 Susan Lapworth, direttore creativo della maison, ha ideato un tied-bouquet a forma sferica che attraverso i fiori riproduce i colori e lo schema del logo olimpico. La composizione è divisa in quattro sezioni, grazie alla scelta di quattro differenti varietà di rose: Rose ‘Illios’ per il giallo; Rose ‘Marie Claire’ per l’arancio; Rose ‘Wimbledon’ per il verde e Rose ‘Aqua’ per il rosa.

LEGGI ANCHE: FIORI PER IL MATRIMONIO, A COLTIVARLI SONO GLI SPOSI

Ad arricchire queste opere d’arte, lavanda, rosmarino, menta e spighe di frumento. Tutti i componenti del bouquet, infine, sono rigorosamente coltivati sul suolo britannico.

Diamo i numeri: in totale saranno necessari 4400 bouquet che dovranno essere via via composti quotidianamente e per la cui realizzazione saranno coinvolti gli allievi-fioristi di tre scuole britanniche.

(Foto Jane-packer.co.uk)

Written by Valeria S. in: fiori | Tag:,
giu
22
2012
0

Allontaniamo le mosche con le piante: ecco come fare

Terribile l’attacco di insetti. Pensiamo alle mosche ed al fastidio che arrecano con il crescere dell’umidità. E allora sappiate che vi sono delle piante che fungono da repellenti naturali grazie ai loro oli essenziali ed alla semplice presenza.

In primis c’è il il basilico. Basta tenere una pianta sul davanzale della finestra e tutto sarà più facile. Anche la pianta di limone, unita ai chiodi di garofano, raggiunge lo stesso risultato.

LEGGI ANCHE: CLICK AND GROW, IL VASO CHE CURA LE PIANTE

Cosa dire delle composizioni di fiori secchi? Il semplice pout-pourri, specialmente se composto di fiori di lavanda ed pepe nero con l’aggiunta di olio essenziale di eucalipto, è perfetto per contrastare le mosche. L’aggiunta di essenza di citronella sarà in grado di tenere lontane anche le zanzare.

Written by Valeria S. in: piante | Tag:
giu
20
2012
1

Piante grasse, la Pleiospilos

La Pleiospilos è un genere di pianta grassa appartenente alla famiglia delle Aizoaceae originarie del Sudafrica. Queste succulente si caratterizzano per la presenza di due foglie opposte, molto carnose, che crescono al centro di altre due foglie che poi si seccano.

Tra le varietà più diffuse ci sono la Pleiospilos boluii, una pianta dai fiori gialli simili a quelli delle margherite che spuntano durante i mesi estivi e autunnali. Anche la Pleiospilos simulans è piuttosto diffusa e si caratterizza per i fiori gialli e per la sensibilità alle basse temperature; la Pleiospilos nelli è invece molto piccola e la fioritura e di colore arancione.

Il terreno ideale per le Pleiospilos deve essere ad alto drenaggio mentre durante il periodo primaverile ed estivo basta un’annaffiatura a settimana.

LEGGI ANCHE: HOODIA, LA PIANTA GRASSA DI FACILE COLTIVAZIONE

Attenzione alla salute: le Pleiospilos possono essere infatti attaccate da afidi e cocciniglie. La riproduzione, infine: avviene per semina da effettuarsi in primavera oppure per divisione delle piante cespitose.

Written by Valeria S. in: piante | Tag:,
giu
19
2012
0

A Imperia “Il fiore risponde”

Il Fiore Risponde” è l’ultima proposta nata dal desiderio di condivisione dei giovani agricoltori aderenti all’ANGA di Imperia. Trattasi per la precisione di uno sportello virtuale on-line di consulenza gratuita legato al mondo dell’agricoltura e del florovivaismo dove trovare risposte a domande frequenti come le malattie delle piante, le tecniche di coltivazione o richiedere delle semplici curiosità.

Inoltre, all’interno del portale, sarà inoltre possibile consultare schede sintetiche legate a piante e fiori che di volta in volta verranno pubblicate creando un vero e proprio archivio.

LEGGI ANCHE: ARRIVA IL PERSONAL TRAINER PER ORTI E GIARDINI

Con una semplice registrazione gratuita si usufruirà di un servizio utile e di facile consultazione attraverso il quale ogni persona potrà soddisfare le proprie curiosità per migliorare il giardino, l’orto, curare il proprio balcone ma non solo, sarà possibile inoltre avere informazioni sulla cucina a base di fiori, sull’ olivo e vite, produzione di formaggio caprino e rimedi naturali.

Written by Valeria S. in: fiori | Tag:
giu
18
2012
0

Tra pomi e fiori, appuntamento a Calvi dell’Umbria

Non prendete impegni sin da ora. A Calvi dell’Umbria, nei giorni 1 e 2 settembre , andrà in scena la mostra-mercato di florovivaismo “Tra pomi e fiori”. L’evento avrà luogo nel centro storico e vedrà la presenza di vivaisti selezionati provenienti da diverse regioni italiane che metteranno a disposizione dei visitatori le loro produzioni e la loro esperienza.

Nelle vie e nelle piazze del centro vi saranno gli agrumi, le rose le piante da frutto, le rampicanti, le arbustive inusuali, le succulente, le carnivore, le acquatiche, le orchidee, le peonie, le acidofile, le erbacee perenni, le salvie, i pelargoni e molto altro ancora.

Sarà inoltre a disposizione un’angolo dello scambio, mentre non mancheranno le diverse produzioni artigianali, le specialità enogastronomiche ed uno stand dedicato agli animali da cortile.

LEGGI ANCHE: A SANREMO LA SUMMER SCHOOL OF FLORICULTURE

Infine, si potranno degustare cibi tipici e menu floreali presso i locali punti di ristoro.

Written by Valeria S. in: eventi | Tag:
giu
14
2012
0

Ancistrocactus, la pianta grassa che non vi abbandonerà mai

L’Ancistrocactus è una pianta cactacea perenne originaria del continente americano. Fusti globosi o eretti ricoperti di spine più o meno rigide di colore chiaro, fiori di colore rosso porpora.

L’Ancistrocactus è in fondo una pianta fedele. Si coltiva per lo più in appartamento ed è di facile coltivazione non richiedendo interventi particolari.

L’Ancostrocactus deve essere collocato in posizione luminosa, in modo che il sole diretto possa colpire la pianta nelle ore più fresche della giornata. No al clima rigido. Nel corso della stagione invernale si consiglia dunque di conservare la pianta tra le pareti domestiche.

Si può utilizzare un terreno specifico per cactacee o mescolare sabbia, pomice ed humus per garantire uno sviluppo equilibrato della pianta. Le irrigazioni, invece, devono essere regolari nel corso della stagione più calda dell’anno.

LEGGI ANCHE: HOODIA, LA PIANTA GRASSA DI FACILE COLTIVAZIONE

Questa pianta grassa non è soggetta a malattie e parassiti particolari. Un eccesso di umidità può però  provocare la formazione di marciumi radicali o malattie fungine.

Written by Valeria S. in: piante | Tag:,
giu
12
2012
0

Orchidea-scimmia, il fiore che sembra un animale

Si chiama Orchidea-scimmia ed è originario della foresta pluviale peruviana: trattasi di fiore che assomiglia incredibilmente al viso di una scimmia.

L’orchidea-scimmia è scientificamente denominata “Dracula simia” proprio per la particolarità della somiglianza.

Il termine “Dracula” si riferisce, invece, alla caratteristi del sepalo dell’orchidea. Il nome gli è stato dato nel 1978 dal botanico Luer e all’interno della famiglia di questo fiore si contano circa 120 specie.

LEGGI ANCHE:  L’ORCHIDEA FIRMATA DA CLARINS

Un’altra curiosità: è molto raro poter scorgerle queste orchidee che, tra l’altro, richiedono un’attenzione e una cura particolare se coltivate. Beh, è il caso di dirlo: buona fortuna…

[Foto Ecoblog]

Written by Valeria S. in: fiori | Tag:
giu
11
2012
0

Programmare lo sboccio dei fiori? In futuro sarà forse possibile

Anche la botanica fa passi da gigante tant’è che, in un futuro non molto remoto, potremmo programmare da soli quando fare fiorire una pianta. Lo rivela una ricerca condotta dall’Università di Singapore e pubblicata sulla rivista Plos Biology.

Gli scienziati hanno infatti scoperto che esiste all’interno delle piante un “motore molecolare”, una proteina dal nome FTIP1 che trasporta dalle foglie alle gemme il segnale che dà il via allo sboccio dei fiori. Se si riuscisse a comprendere pienamente questo meccanismo, dunque, sarebbe possibile portare le piante a fiorire più volte e di conseguenza anche a fruttificare più volte. Fattore questo che porterebbe ad un notevole incremento produttivo.

LEGGI ANCHE: FLORAL DESIGNER, UNA PROFESSIONE TRA IL VERDE

La fioritura, si sai, è un processo complesso derivante da diversi particolari. Quello più influente è la durata di esposizione alla luce diurna, conosciuto come fotoperiodo: la pianta è grazie a lui se riesce a capire la stagione nella quale si trova in base ad una sorta di misurazione della lunghezza del giorno e della notte.

Programmare le fioriture, dunque, significherebbe raggiungere anche per ortaggi e simili un incremento della produttività che porterebbe sostegno, perché no, alle economie più deboli.

Written by Valeria S. in: fiori |
giu
08
2012
0

L’erba del vicino, il nuovo programma di giardinaggio su La7

Fiori, piante, alberi nei giardini. Di questo e molto altro ancora si occuperà “L’erba del vicino“, il nuovo programma di giardinaggio, girato interamente in esterna, in onda da domani sabato 9 giugno nel day time di La7.

Alla base c’è un’idea originale: occuparsi di verde ‘condiviso’ educando inquilini e cittadini al rispetto degli spazi comuni.

Le prime 4 puntate andranno in onda a giugno. Poi, dopo una pausa estiva, La 7 programmerà da settembre la seconda parte ovvero 6 nuovi episodi.

LEGGI ANCHE: GIARDINAGGIO, CRESCE LA PASSIONE NEGLI ITALIANI

Ad accompagnare lo spettatore in questo viaggio, la conduttrice Lucia Loffredo e due giardinieri di formazione diversa: Vittorio Chia, laureato in agraria e appassionato di floricoltura, e Olivier Gerard, esperto di giardinaggio e, come autore e divulgatore, antesignano del settore in tv.  Insieme a loro, un’affiatata squadra che zapperà, concimerà e lavorerà senza tregua.

Foto: La7

Written by Valeria S. in: eventi | Tag:

Theme: TheBuckmaker.com Best WordPress Themes