Le Mamme Eroine

_MG_2808

Le mamme eroine

Ho conosciuto delle donne straordinarie. Le ho chiamate eroine perché non credo esista un termine più adatto per definirle. Le ho incontrate in un reparto di un ospedale pediatrico a Genova. E ho riconosciuto la forza rivoluzionaria che accomuna le donne, in particolare le mamme. Nel meraviglioso giorno in cui una donna diventa una mamma, piena di felicità, entusiasmo e insicurezze, non arriva il manuale d’istruzioni per affrontare il futuro. Il futuro cosi imprevedibile. E alcune volte doloroso. Allora nasce spontanea una domanda: da dove hanno origine la forza, il coraggio, l’audacia che permettono a una madre di affrontare la sofferenza dei propri figli? Ho fatto questa esperienza per la prima volta durante il recente ricovero di mia figlia in ospedale. In una settimana ho conosciuto altre mamme e bambini e con loro ho imparato a vivere e condividere il dolore in un momento della vita in cui si vorrebbe solo gioire. Al contrario, in un ospedale pediatrico si impara, prematuramente, a gestire la sofferenza di una dolorosa medicazione piuttosto che una lunga riabilitazione. Il dolore non é paragonabile. Ma molte di queste mamme che ho conosciuto, a differenza di altre più fortunate , vivono recluse in ospedale per lunghi mesi, assistono i figli durante complicate convalescenze, affrontano la malattia in solitudine perché vengono da troppo lontano e non possono avere accanto i mariti, i parenti e gli amici. Allora, più che altrove, l’unione fa la differenza. Si cerca insieme di infondere ai figli l’ottimismo che spesso non c’e, si maschera l’impotenza con la determinazione, si scherza su cose assurde come dare i soprannomi divertenti agli attrezzi medici che i bambini si portano addosso. E’ un vivere simile a un tunnel scuro e pieno di nebbia dove l’unica luce che filtra sono i figli e la speranza che un giorno saranno capaci di camminare da soli verso il loro futuro. Dedico queste immagini e questi pensieri a tutte le mamme eroine perché grazie a loro i bambini imparano la forza più rivoluzionaria che esiste nel mondo e che si chiama amore.

Grazie