Il ritorno della runner

Oddio, l’ho scritta. La parola “runner” intendo. Ebbene si, ho ceduto alla vanità e mi sono fregiata di questo titolo che fa tanto pheega salutista ma il cui significato reale è: “vado a correre se e quando ho tempo, peli superflui permettendo”. Giuro che non volevo entrare nel girone dei salutisti 2.0 (quelli, per intenderci, che non solo vanno a … Continue reading

Buoni propositi per il 2015

Si sa, a inizio anno si stila la solita lista di buoni propositi che, per chi come me ha un blog, spesso si tramuta in un’occasione per scrivere un nuovo post col minimo sforzo intellettivo. Quindi, con solo quattordici giorni di ritardo e senza creare la benché minima attesa sui miei account social (per la serie: si, lo so come … Continue reading

Vorrei fare la figa ma non ne sono in grado.

Rieccomi. Potrei sempre fare la figa contando quella palla iper-sfruttata che recita “non ho avuto tempo” ma.. No. W la sincerità e ammetto pubblicamente: non ho avuto voglia di accendere il portatile. Ora non chiedetemi perché, ma ne ho la nausea. Ho superato la cosa solo in due occasioni che richiedevano l’ascolto di un po’ di musica decente, pena lo … Continue reading

Vestiti

Mentre i miei occhi sono rapiti dagli ennesimi vestiti carinicarinichenonsoquandolimetteròmalivogliocomunque, Marito esce dal camerino, coi pantaloni nuovi indosso. Dopo una lunga occhiata indagatrice ed un’espressione sconsolata, la sentenza: -Beh, prima indossarli mi sembravano meglio…-. Mentre torno all’espositore dei jeans mi rendo conto che Marito ha appena enucleato un concetto fondamentale con cui tutte noi ci scontriamo durante le nostre sessioni di shopping selvaggio: Scorgiamo dei vestiti … Continue reading

Dilemmi stagionali.

“L’hai indossato nell’ultimo anno?” domanda Carla Gozzi nel suo post sul cambio armadio.NO.“Ci entri ancora?” mi chiedo io.Ovvio che NO.“è riciclabile in qualche modo?”No, e se si consuma ancora un po’ non è nemmeno riparabile.“Che ca**o te lo tieni ancora nell’armadio?”Eh… Sono una fottuta sentimentalista. Ecco, puntuale, il botta-risposta cui vado incontro per larga parte dei miei indumenti quando la … Continue reading

Di California e forma fisica

Per salvare la mia già fragile autostima, mentre negli anni passati guardavo i personaggi di Beverly Hills 90210, Baywatch o qualsiasi altra serie/film/trasmissione ambientata in California, mi dicevo: è chiaramente, sicuramente, incommensurabilmente tutto un fake. Maffiguratisesonotutticosì (detto o pensato tutto d’un fiato), se davvero sti’ ragazzoni son tutti dotati di deltoide gonfio e gluteo michelangiolesco e le tipe tutte Barbie … Continue reading

Desaparecidos

Sono fastidiosi quanto un herpes: ogni tanto compaiono, fanno girare le balle e così come sono arrivati spariscono. Io li chiamo desaparecidos. Anche se amicissimi-quando-fa-più-comodo potrebbe rendere al meglio l’idea. Anni di (miei) assidui studi antropologici dimostrano che i desaparecidos non sono soggetti all’estinzione anzi, purtroppo proliferano come le blatte in primavera se ti dimentichi di dare l’apposito diserbo al giardino. … Continue reading

A una certa età.

Due anni fa decisi, per tutta una serie di motivi, di prendere lezioni di basso. Siccome avevo già 27 anni, ero sposata e tutti da me al massimo si aspettavano o il concepimento di un pargolo o un lavoro serio (di quelli regolarmente stipendiati, per intenderci), non dissi niente; confidai questo desiderio solo a mio marito che, invece di dirmi … Continue reading

In attesa di non so cosa.

Ho capito che forse non ci sarebbero state tante possibilità quando ancora stavi bene: era autunno, son passata a trovarti credo dopo essere tornata dal Canada, tu mi hai aperto la porta, hai fatto il tuo sorriso del “sono proprio contenta che tu sia passata” e mi hai abbracciata forte. Forte che sembrava avessi paura che scappassi. Me ne sono … Continue reading