La social letterina

Buon Natale!

Caro Babbo Natale. Sono io, quella che ha inconsapevolmente chiamato il proprio blog col nome di una pornostar. Hai presente? Quella a cui –nell’arco di trent’anni– hai portato in dono la passione per tutte le attività fuorché quelle che fruttino economicamente, il lanternino per raccattare casi umani ed uno sbucciamela*. *[No, non scherzo. Un anno i miei mi hanno regalato uno … Continue reading

Di arredamento e mammitudine

Di arredamento e mammitudine

E rieccomi. Accaldata, assonnata, mediamente rimbambita MA fresca di estetista. Il che per me ha quasi l’effetto di una seduta dalla psicologa, dato che chi ha in cura lo sterminio dei miei peli è anche lei mamma e quindi vai di chiacchiere sui pargoli senza il timore di tediare a morte l’interlocutore. L’argomento di oggi era –tra una scarica del diodo ed una stesura … Continue reading

Il post farlocco

E concedetemelo un post farlocco. Dopo sei ore di macchina, un bambino da buttare in vasca e insaponare senza pietà, tre valigie da aprire, n lavatrici da fare e stendere, un marito da sfamare e la triste constatazione di essere nuovamente nel piattume padano, capitemi: non ho alcun consiglio o ricetta originale da dispensarvi. Tuttavia, mentre mi cala la palpebra e … Continue reading

La settimana smartphone-free

La settimana senza smartphone

Mentre il mio carissimo amico del Melaggiusti mi “imbustava” il Samsung Galaxy S4 nuovo di pacca in una cover gommosa, con tanto di vetroresina protettivo, già me lo immaginavo: un giorno, vicino o lontano, lo smartphone sarebbe caduto vittima della furia bambinicida del Nano e l’amico, grazie al quasi-duenne, si sarebbe potuto permettere una crociera ai caraibi. Quello che non potevo immaginare era che … Continue reading

…a quando il secondo?

Capita sempre più spesso. Dopo l’esclamazione “ma che bell’ometto che è diventato!” e le solite domande su sonno/alimentazione/crescita/sviluppo del linguaggio/attività ludiche e scolastiche alle quali rispondo con un esauriente “va tutto bene, grazie”, ecco che parte la domandona: -A quando il secondo?-. A volte rigirata in una versione che sa quasi di sfida: -Beh, visto che va tutto bene con il … Continue reading

Merry Cinderella Christmas

Bene, ci siamo. È iniziata la settimana che meno tollero dell’anno. Non è che io voglia fare la pheega alternativa e acida (che ancora non ho capito se sia una moda o se c’è proprio un esercito di donne dalla vita sessuale insipida), tutt’altro. Io il Natale lo adorerei anche, solo che, accidenti, a festeggiarlo non sono solo io con … Continue reading

Di quando conobbi Pier Giacomo

Di quando conobbi Pier Giacomo

Oh, io vi avviso: questo non è per niente un post cosmo-friendly, vale a dire che se inorridite di fronte a uno shatush per il solo fatto che quest’anno va di moda il wob potete pure chiudere la pagina. [E tornare sul sito di cosmopolitan per scoprire come copiare i preziosissimi caschetti di Emma Stone che mi dicono che così si … Continue reading

A te che sei mamma

A te che sei mamma  che quando cerchi di ricordare come faceva una delle tue canzoni preferite in mente ti vengono solo quelle tre della palestrina Chicco. A te che ormai non hai più un salotto ma una playland, che i contenitori di plastica per il cibo sono misteriosamente migrati dal loro cassetto al box del bimbo, che qualsiasi oggetto non … Continue reading

Il profumo di Vecchio

Il profumo di Vecchio

Nella top ten delle domande riguardo la nostra vita da neo-genitori, subito dopo le intramontabili “dorme la notte?” e “ne hai di latte?”, compare: “Ma adesso col bimbo come fate a fare tutti i vostri viaggetti?”. Spesso rigirata in varianti più o meno acide tipo: “Certo che adesso addio viaggi, eh…”. “Sarà dura per voi starvene sempre a casa col bimbo…”. “Eh, … Continue reading