#LunedìInsalatina: l’insalata montanara

Ah, la montagna. Quella formazione geologica il cui soggiorno viene usato come pretesto per fiondarsi su piatti ricchi di proteine animali, grassi animali e carboidrati a go go o per poltrire nelle saune delle migliori spa alla faccia di chi ci va col serio intento di vivere a contatto con la natura.

L’insalata montanara nasce proprio dalla mia necessità fisica e psicologica di tornare in Trentino a squagliarmi in una piscina riscaldata, sfondarmi di canederli e forse –se proprio proprio non c’è altro in programma– fare quattro passi con le ciaspole.

Dato che ancora io e Marito non riusciamo a mollare il Nano ai nonni per cinque giorni di Schwarzenstein (hotel che vi consiglio caldamente il giorno in cui decideste di staccarvi dal logorio della vita moderna), mi sono rassegnata a ricreare un po’ di Trentino in cucina buttando dell’ottimo speck dell’Alto Adige IGP tra le foglie di insalata.

Ha funzionato? Non lo so, fatevi prima un piatto di insalata montanara e poi ditemelo!

Insalata Montanara

Ingredienti:

70g di radicchio
70g di indivia riccia
70g di indivia scarola
4 o 5 funghetti champignon
Tre fette sottili di Speck dell’Alto Adige IGP
Uno spicchio di aglio
Mezzo bicchiere di vino bianco
Prezzemolo
Olio extravergine di oliva

Procedimento:

Per prima cosa lavate l’insalata e tagliatela. Passate ai funghi lavandoli e pulendoli (se non sapete come fare ecco le istruzioni di salepepe.it), dopodiché fateli a tocchetti.

Scaldate in una padella antiaderente due cucchiai di olio, lasciateci lo spicchio d’aglio attendendo che si imbiondisca per toglierlo e metterci i funghi. Man mano che questi cuociono bagnateli col vino bianco e, una volta pronti, conditeli col prezzemolo tritato finemente.

Mentre aspettate che i funghi si raffreddino, con un coltello dalla lama liscia tagliate le fette di speck a strisce e arrotolatele su loro stesse formando una rosellina (se non vi viene pazienza, lasciate così che tanto mica siete a Masterchef).

In una ciotola mescolate le tre insalate, unite i funghi intiepiditi e inserite le fettine di speck. Condite con un goccio di oldio di oliva e… buona sciata!

Ah no, scusate.

Buon appetito con l’insalata montanara! 😉

Precedente Di mammitudine e streetfood Successivo #LunedìInsalatina: l'insalata quattro colori