#LunedìInsalatina: l’insalata del vegano

…O meglio: più che insalata del vegano è “l’insalata di voi che avete invitato un amico vegano a cena, comprato il seitan per fargli piacere (o perché non avete ancora ben capito cosa mangi e cosa no), ve l’ha avanzato e non sapete che farvene se non invitarlo di nuovo per farglielo finire”.

Nel caso speriate vivamente che l’amico vi tolga dalla friendzone per buttarsi con voi ad amoreggiare in ogni angolo della casa vi dispenso subito dal proseguire nella lettura della ricetta. Compratevi anche del tofu o del muscolo di grano, se necessario. Ma se ha passato tutta la cena a lamentarsi di quanto il vostro stile di vita sia poco cruelty-free e non volete trascorrerne un’altra all’insegna di video su vitellini e cosechenessunotidice sulla correlazione tra latte e cancro, prendete nota che finalmente potrete eliminare il ricordo di una serata buttata nel cesso.

Ingredienti:

Circa 250g (una busta) di lattuga.
Due pomodori secchi sott’olio.
Qualche oliva nera.
Qualche cappero.
Un burger di seitan.

Procedimento:

Iniziate a scaldare un po’ d’olio in padella e a farci rosolare il burger di seitan per qualche minuto. Una volta pronto sistematelo su un tagliere o un piatto e tagliatelo a dadini.

Scolate i pomodori, le olive ed i capperi (se sono quelli sotto sale date una vigorosa sciacquata per scioglierne i residui) e, se non avete troppa fame o troppo poco tempo, tagliate a pezzetti i pomodori e a rondelle le olive.

Disponete l’insalata nell’insalatiera e aggiungeteci il seitan, i pomodori, le olive ed i capperi. Aggiungete un filo d’olio e mescolate bene.

“Ed io che invece avevo avanzato il tofu perché il seitan manco so cosa sia?”. Potreste chiedermi in coro. Niente di male (se non per il fatto che il seitan almeno sa di qualcosa, per il tofu invece c’è un team dedicato dell’Harvard University of Boston che sta cercando di scoprire di cosa sappia esattamente), vi riscrivo la ricetta che almeno supero i 300 caratteri e l’omino del SEO è più contento.

Insalata del vegano

VARIANTE COL TOFU

Ingredienti:

Circa 250g (una busta) di lattuga.
Due pomodori secchi sott’olio.
Qualche oliva nera.
Qualche cappero.
Una confezione di tofu.
Un cucchiaino di Cumino/Paprika/Origano.

Procedimento:

Iniziate a scaldare un po’ d’olio in padella, rosolateci il tofu per qualche minuto e nel mentre aggiungeteci qualche spezia saporita tipo il cumino (il mio preferito), la paprika o l’origano. Eventualmente potete usare anche gli olii aromatizzati o gli insaporitori.
Levate il tofu dalla padella, lasciatelo intiepidire e dividetelo in dadini.

Scolate i pomodori, le olive ed i capperi (se sono quelli sotto sale date una vigorosa sciacquata per scioglierne i residui) e, se non avete troppa fame o troppo poco tempo, tagliate a pezzetti i pomodori e a rondelle le olive.

Disponete l’insalata nell’insalatiera e aggiungeteci il tofu, i pomodori, le olive ed i capperi. Aggiungete un filo d’olio e mescolate bene.

P.s. Della variante col tofu non ho foto. Ma se ve la stampate e colorate il seitan con l’uniposca bianco avrete l’immagine esatta dell’insalata che vi aspetta.

Buon appetito!

 

 

Precedente #LunedìInsalatina: la prima insalata del 2016 Successivo Il cazzeggio ai tempi della mammitudine