#LunedìInsalatina: la prima insalata del 2016

Anzitutto buon anno a tutti.
Se da un lato ci sono ancora italiani che attendono il veglione del 31 per buttare via le cose vecchie, io vado controcorrente tenendomi in cucina (soprattutto nel frigo) una serie di alimenti paurosamente vicini alla data di scadenza o sull’orlo della decomposizione.

Tipo le zucchine di oggi, sopravvissute sia alla frittura sia al rotolo di pasta sfoglia per il cenone di San Silvestro (non fosse che mi sono trovata a spostare mezzo kebab, mai mi sarei accorta delle due solitarie superstiti), le cipolline borrettane (rimaste segregate in un cassetto del frigo aperto solo per curiosità), la caciotta dolce (anche lei rimasuglio di qualche torta salata preparata sotto le feste) o il preparato per spaghetti ai porcini comprato in toscana due anni fa e lasciato invecchiare nella dispensa, a due giorni dal “consumarsi preferibilmente entro il…”

Quale modo migliore dunque per ripulire frigo e dispensa e illudersi di essere entrati già nel mood stile-di-vita-sano se non con il nostro consueto appuntamento settimanale de #LunedìInsalatina? Segnatevi gli ingredienti e iniziate ad accendere la padella che tra poco ci si strafoga si mangia.

Ingredienti:

Una figlia di radicchio
Una busta di songino
Due zucchine
Una decina di cipolline borrettane
Due forme piccole di caciotta dolce
Olio d’oliva
Due cucchiaini di pereparato per pappardelle/spaghetti ai porcini

Procedimento:

Prendete le cipolle, lavatele (ma c’è bisogno di dirvelo?) e lasciatele bollire in una pentola a parte finché non saranno cotte.

Lavare (sempre dopo averle pulite.. ma c’è qualcuno che le cucina senza dare una lavata prima? Davvero?) e tagliare le zucchine a fette spesse circa mezzo centimetro.

Mettere un dito d’olio in padella (sufficiente per immergerci le fette di zucchine) e aggiungere il preparato per spezie. Mescolare con un mestolo di legno e, una volta raggiunta la temperatura per friggere, disponete le zucchine una di fianco all’altra, senza sovrapporle.

Sistemate le zucchine su un foglio di carta assorbente per fritti e, nella stessa padella di queste, date una scottata per qualche minuto anche alle cipolle (giusto per farle insaporire e dorare).

Fate a fettine sottili la caciotta dolce (o a dadini se vi parte la pazienza al primo taglio come succede a me). Sistemate nell’insalatiera il radicchio, il songino, le zucchine, le cipolle ed infine la caciotta. Date una bella mescolata e.. buon #LunedìInsalatina!

Insalata del 2016

 

 

Precedente #LunedìInsalatina: l'insalata natalizia. Successivo #LunedìInsalatina: l'insalata del vegano