#LunedìInsalatina: insalata estiva

Eccoci qui nel pieno della stagione delle ascelle pezzate, piedi scorticati da laccetti dei sandali e macchine-altoforni nelle quali l’ustione è garantita al minimo tocco del volante. Maggio è scivolato via velocemente e nell’arco di tre giorni siamo passati da una piacevole media primaverile a quella di un normale fine luglio in pianura padana, con tanto di afa e zanzare; il risultato di questa escursione termica violenta è la totale apatia in cucina ed il rifiuto psicologico di accendere i fornelli anche solo per un caffé.

Il #LunedìInsalatina non può quindi che consistere in un’ insalata estiva che, con protagonisti finocchio, zucchine e limone, possa farci percepire almeno un grado in meno quando mangiamo.

E per aiutarvi a non sentirvi ulteriormente come dei ghiaccioli dimenticati nel baule di un’auto, ho fatto in modo che questa insalata estiva preveda solo ed esclusivamente ingredienti pescati dal frigo o, al massimo, cucinati a temperatura ambiente.

Pronti allora? Bene, con canotta e pantaloncino da mare tutti a cena con l’insalata estiva!

Ingredienti per una ciotola:

Un finocchio intero di medie dimensioni
Mezza zucchina
Grana padano a scaglie
Un cucchiaio di semi di zucca
Un cucchiaino di semi di papavero
Olio q.b
Succo di mezzo limone.

Preparazione:

Cominciamo dalla mezza zucchina che andrà preparata qualche ora prima (o anche la sera prima se si è a corto di tempo): prendete il pela-patate e, possibilmente senza lasciarci le impronte digitali, fate delle striscioline sottili.

Sistemate le fettine in una ciotolina.

In un bicchiere emulsionate un cucchiaino di olio nel succo di limone e versatelo sulle zucchine, lasciandole poi riposare nel frigo.

Pulite e lavate il finocchio, fatelo a pezzetti.

Scolate le zucchine e sistematele in una ciotola assieme a quest’ultimo dando una bella mescolata.

Sempre col pela patate, fate delle scaglie col formaggio grana che andrete a spargere su zucchine e finocchio.

A questo punto aggiungete i semi: un cucchiaio di quelli si zucca ed un cucchiaino di quelli papavero.

Mescolate nuovamente e a questo punto non vi resta che indossare un paio di infradito. un prendisole, sistemarvi nella stanza più fresca di casa, chiudere gli occhi, compiere uno sforzo di immaginazione.. e gustarvi la vostra insalata estiva come se foste già in vacanza 😉

p.s: non garantisco che la cosa faccia psicologicamente bene, eh.. solitamente, finita l’isalatina e riaperti gli occhi, lo sconforto ritorna e non resta che preparaci un’altra insalata estiva.

 

 

 

 

 

Precedente #LunedìInsalatina: zucchine e salmone Successivo Lettera aperta ai genitori haters di staminchia