Coclusioni pasqualizie

Attenzione: post breve e sintetico per vedere se imparo a ridurre discorsi intricati a poche proposizioni semplici.. 

Bene, durante questi giorni piovosi e che di pasquale avevano tutto fuorché il clima, ho annotato le seguenti cose:

  • Sai mai cosa può succedere quando organizzi un pranzo a casa tua. Del tipo che parti da 8 persone (con spesa fatta per quel numero di invitati) e ti ritrovi alla metà a pranzo, poi verso le nove di sera riapparecchi per 6 facendo comunque fuori quasi tutto.
  • La pietra ollare si può scaldare anche su un fornello.
  • Prima di chiedere qualcosa sulla pietra ollare al web, domanda a tua madre.
  • Persone che non vedi da una vita possono riapparire.. direttamente a casa tua 🙂 e farti capire che il tempo può fermarsi guardando un po’ di vecchie foto.
  • Anche se cucini con la pietra ollare, una buona presa d’aerazione deve esserci COMUNQUE.
  • Tutti spendono fiumi di lacrime per gli agnellini ma a nessuno importa del povero capitone, vittima di ignobili stragi sotto Natale.
  • Più olio metti meno la roba fritta è unta.
  • Prima di dire che la pietra ollare è una boiata, farla scaldare BENE e poi metterci sopra la roba a cuocere.
  • Se sei pieno come una pigna non fare alta filosofia nei tuoi status su FB.
  • Alle volte basta poco e d’improvviso esci da un periodo di merda con estrema facilità che mai avresti immaginato.. 
  • Per non bruciarti quando friggi qualcosa puoi sempre metterla su una schiumarola e poi immergerla col suo contenuto nell’olio caldo.
  • Un banco vuoto in chiesa può far quasi piangere.
  • Silver para meglio di Buffon.
  • Asia mangia il guinzaglio, anche se sa che siam tutti pronti per uscire e aspettiamo solo lei per varcare il portoncino e portarla a correre.
  • Silver ha capito che se fa l’indifferente e fa finta di non bramare i chili di carne fresca disposti sul tavolo avrà da mio marito tutto ciò che vuole. Carne grigliata compresa.
  • La pietra ollare, per quanto la scaldi piano, si crepa comunque.
  • Silver è in grado di arrivare in tutta velocità sul tavolo, tentare di sedersi sottovalutando lo scarso attrito della cerata, scivolare col culo per un metro e volare rovinosamente a terra dall’altro lato.
  • Le istruzioni d’uso della pietra ollare non vanno buttate e tenere il biglietto di auguri di chi me l’ha regalata non mi aiuterà a capire meglio come usarla.
  • Non importa quanti anni hai, l’uovo di cioccolata con sorpresa è d’obbligo.
  • Di tastieristi/cantanti ciechi non c’è solo Ray Charls ma anche Stevie Wonder.
  • EVITA di diventare milionario a monopoli. Non sarai più simpatico a nessuno fino alla bancarotta con indebitamento.
  • Ma soprattutto: anche se sei pieno come un uovo tanto che il cardias implora pietà, c’è sempre spazio per l’uovo di cioccolata ed i coockies.
Penso sia tutto. 
Ah, le giornate migliori sono quelle post nottata insonne. Non so perché ma per me è così.
Precedente FantAldici auguri pasqualizi. Successivo Di iPhone e tecnologia ignorante.