30 + 3

Eccoci qui. Siamo arrivati al 19 giugno, giorno del mio e del tuo compleanno. Lo facciamo insieme anche se ormai io dico che la festa è tutta per te. Quando sarai grande capirai che a un certo punto non è poi così importante festeggiarlo: sono solo capelli bianchi in più, il collo indolenzito se ti siedi sotto al getto del condizionatore … Continue reading

Lettera aperta ai genitori haters di staminchia

Genitori Haters

Normalmente non parlo mai di cronaca. D’altronde l’ho sempre detto: questo non è un blog serio. Consideriamolo pure una raccolta di cazzate, ricette e qualche tutorial. Non ho oltretutto le competenze linguistiche necessarie, la professionalità o anche solo la velleità di poter affermare che quanto scrivo possa arricchire l’intelletto del mio prossimo. Tutto ciò per dirvi che quello che andrò a scrivere è un … Continue reading

Di pacco e di paccari

Pacco

Che sia per un ricevimento nunziale. O un aperitivo informale. Sia per una pizzata di fine anno, una gita fuori porta, le vacanze in Salento, la giornata di volontariato, l’addio al nubilato pianificato da mesi o un semplice “passo da te che è da troppo che non ci si vede” lui è lì, in attesa, pronto a presentarsi quando hai già … Continue reading

Di mammitudine e maschere

Ricordo perfettamente quando ho iniziato a usare le prime maschere da mamma. Ero in un ristorante giapponese, seduta ad uno di quei tavolini di design che tanto mi piacevano prima di trovarli troppo piccoli per sistemarci tutto il necessaire del pupo. Eravamo io, mio marito, il nano che aveva appena compiuto due mesi ed uno dei nostri testimoni di nozze. Per … Continue reading

La social letterina

Buon Natale!

Caro Babbo Natale. Sono io, quella che ha inconsapevolmente chiamato il proprio blog col nome di una pornostar. Hai presente? Quella a cui –nell’arco di trent’anni– hai portato in dono la passione per tutte le attività fuorché quelle che fruttino economicamente, il lanternino per raccattare casi umani ed uno sbucciamela*. *[No, non scherzo. Un anno i miei mi hanno regalato uno … Continue reading

Di paesanottitudine e social network

La paesanottitudine non conosce età né barriere tecnologiche. Anzi. Sembra quasi che trovi linfa vitale proprio nei socialnetwork, terreno un tempo di proprietà di nerd e sociopatici mentre oggi è -ahimé- di tutti: giovani, anziani, quasi anziani, ragazzetti e pure di quella categoria di gente che si crede erroneamente lontana da questo mondo, impegnata com’è a riversare odio e frustrazione in … Continue reading

Il post farlocco

E concedetemelo un post farlocco. Dopo sei ore di macchina, un bambino da buttare in vasca e insaponare senza pietà, tre valigie da aprire, n lavatrici da fare e stendere, un marito da sfamare e la triste constatazione di essere nuovamente nel piattume padano, capitemi: non ho alcun consiglio o ricetta originale da dispensarvi. Tuttavia, mentre mi cala la palpebra e … Continue reading

Di mammitudine e streetfood

Fin da quando l’evento è apparso sulle nostre bacheche bianche e blu, marito ha stressato senza pietà. Andiamo tutti quanti allo Street Food Village a Novara. Ora, di norma i vercellesi schifano i cugini novaresi (specie in periodo di derby); tuttavia, l‘edizione dell’anno scorso a Vercelli ci ha spinti a mettere da parte le diatribe campanilistiche e a rituffarci nella calca di … Continue reading