Brevi spezzoni di mammitudine.

Dato lo scarso tempo che mi concede il mio nuovo mega-direttore, vado al sodo e vi rifilo questo post striminzito che raccoglie un best of dei commenti/suggerimenti/opinioni/frasifattepopolari che ho udito in questi primi due mesi da mamma.

“Non dargli troppo la tetta, se no lo vizi”.
Hai ragione, ora lo faccio morir di fame per altre tre ore.

“Si vede che hai avuto un maschio, non sei ingrassata”.
Ora ti porto tutte le conoscenti che hanno dato alla luce un bambino e che stanno furiosamente combattendo contro i chili di troppo E GLIELO RIPETI. Se hai coraggio.

“Eeeeeh, occhio a tirarlo sempre su quando piange, lo vizi”.
“è un neonato, non ha ancora la capacità di memorizz…”
“Si ma comunque se lo alzi lui smette! Un motivo ci sarà, no?”

Si.. che è un neonato di pochi giorni e che l’unica cosa al mondo che riconosce è la sua mamma.

“Ma ce l’hai il biberon con l’acqua?”.
“No, la pediatra/il dottore/l’ostetrica mi ha detto che..”
“Oh sti pediatri non capiscono niente, ai miei tempi si faceva bla, bla, bla… e siamo tutti qui a raccontarlo”.
Certo, era meglio quando si stava peggio, non esistono più le mezze stagioni e quando ero giovane saltavo i fossi per traverso.

“Bello, proprio bello.. Sembra fatto col pennello”.
Sul subito tante risate per la rima, poi orgoglio a mille!

“Tienilo [il bambino] da conto!”.
Viene da dire “no, ma va’, stavo giusto per lasciarlo seminudo sotto la pioggia“. Poi, data la gran quantità di persone che si sono così espresse, ho intuito che fosse un modo di dire molto diffuso (chiedo venia!). Tra l’altro può sembrare una raccomandazione parecchio scontata.. ma pensando ai tanti bambini tolti alla potestà di genitori problematici no, non lo è.

Bambino vivace in età scolare:
-Posso prenderlo in braccio?-
All’unisono:
Io: -No gioia, è ancora troppo piccolo!-
Nonna del bambino: -Ma siiiii tato, dopo te lo da!-.
Infondo.. cosa conta il parere della madre?

Io a mio padre: -Lo vuoi tenere un po’ in braccio?-.
Mio padre: -No che lo rompo!-.
Credo sia colpa mia.
Gli ho detto un mucchio di volte che chiudeva barattoli e rubinetti con troppa forza.

Nonni con treenne al seguito.
Io a bambina: -Per ora niente bacini, ha pochi giorni.. quando è più grandicello te lo puoi spupazzare tutto-.
Nonni: -Eh si gioia, è troppo piccolo! Vieni, vieni qui e dagli taaaanti bacini sulle manineeee!-.
Ribadisco: a che serve il parere della madre?

Io a nipotina: -Davide mangia!-
Nipotina si sporge: -Voglio vedere!-.
Io: -Eh, è qui che mangia!-.
Nipotina: -Voglio vedereee!-
Io: -è qui! Vedi? Mangia il latte che esce dalla mia tetta! Un po’ come il tuo biberon…-.
Nipotina: -E il biscotto?-.
Giusto, col latte il biscotto ci sta sempre.

Enniente, per ora è tutto. O meglio, ce ne sarebbero di cose da scrivere ancora, ma il nuovo mega-direttore è davvero esigente e non tollera ritardi, specie sui pasti.

Precedente La #mammitudine Successivo Aggiornamenti di mammitudine