Calamari gratinati al forno light

Finalmente riesco a mettere le mani nelle cartelle sul computer di qualche mese fa, di ricette già fatte e fotografate che volevo pubblicare da tanto tempo. E frugando sull’hard disk mi è saltata fuori questa dei calamari gratinati al forno, fatta quando riuscii a trovare qui in Olanda i calamaretti… una rarità insomma!

Calamari gratinati al forno light, Mangia senza Pancia

Io adoro gli anelli di calamari o di totano fritti… e chi non li ama? Ma ovviamente a dieta proprio non mi sembra il caso, anche la Weight Watchers ha i suoi limiti eh! Però ho visto talmente tante volte su internet le ricette di questo piatto fatto al forno che ho voluto provare. Ho fatto un po’ di studio e alla fine ho preferito fare come ho letto su una ricetta della Weight Watchers: mischiando un po’ di farina e un po’ di pangrattato assieme… ed è stata proprio un’ottima idea!

Calamari gratinati al forno light, Mangia senza Pancia

Il risultato finale è stato veramente buono! Forse avrei potuto far asciugare meglio il fondo di cottura ma comunque i calamari sono venuti belli croccantini e veramente tanto saporiti. Una ricetta da ripetere di sicuro magari quando verrò in vacanza in Italia, dove la materia prima è più facilmente reperibile. L’olandese ha votato 10, nonostante non fossero fritti!


Calamari gratinati al forno light – la ricetta


Informazioni

Tipo: Secondi di pesce
Porzioni: 3 normali, 2 abbondanti
Preparazione: 10 minuti oltre al tempo necessario per pulire e lasciar marinare i calamari (circa 1 ora e mezzo in totale)
Cottura: 30 min
Difficoltà: facile
Punti Weight Watchers ProPoints totali = 19
Punti Weight Watchers ProPoints per porzione normale = 6
Punti Weight Watchers ProPoints per porzione abbondante = 9


Ingredienti

Calamari gratinati al forno light, Mangia senza Pancia

600 g calamari puliti (700 g se interi)
2 cucchiaini di olio extravergine di oliva
40 g pangrattato
50 g di farina (nel conteggio dei punti ho considerato solo 20 g in quanto circa 30 g tra pangrattato e farina si perdono con la setacciatura)
2 cucchiaini di paprica dolce
sale e pepe q.b.

per la marinata
1 cipolla
3 spicchi di aglio
succo di mezzo limone
qualche rametto di prezzemolo


Procedimento

Calamari gratinati al forno light, Mangia senza Pancia

Innanzitutto pulire i calamari, un’operazione noiosa ma necessaria! Se li trovate già puliti è meglio, ovviamente. Una volta puliti e separati i tentacoli dal corpo dei calamari, tagliare il corpo ad anelli e i tentacoli più grandi a pezzi e mettere in una ciotola. Aggiungere anche la cipolla, l’aglio a pezzetti, il succo di mezzo limone e il prezzemolo tagliato finemente. Mescolare e lasciare così per almeno una mezzora a marinare.

Calamari gratinati al forno light, Mangia senza Pancia

Preparare in una ciotola farina, pangrattato, paprica dolce, sale e pepe e mescolare bene. Scolare benissimo i calamari dal liquido della marinata, asciugarli su della carta cucina e passarli poco alla volta nel mix di farina e pangrattato. Far cadere l’eccesso setacciandoli in un colino a trama fitta e porli man mano in una teglia da forno.

Calamari gratinati al forno light, Mangia senza Pancia

Continuare così fino a esaurimento, aggiungere un altro pochino di sale e pepe se si desidera e terminare distribuendo l’olio sulla superficie.

Calamari gratinati al forno light, Mangia senza Pancia

Infornare a 200°-220° gradi per circa 25 minuti girando a metà cottura molto delicatamente i calamari. Si può anche evitare questa operazione ma ovviamente poi i calamari resteranno morbidi sotto. Se si forma molto liquido di cottura si può anche eliminare a metà cottura, dipende veramente dai gusti. Per far colorire ancora di più i calamari, al termine usare il grill per 5 minuti.

Per una cottura alternativa sul fornello, senza usare il forno, leggere l’aggiornamento a fine ricetta!

Calamari gratinati al forno light, Mangia senza Pancia

Ed ecco pronto a tavola il nostro piatto di calamari gratinati al forno! Suggerisco di servirlo con prezzemolo fresco e con spicchi di limone per chi desidera spremerlo sui calamari!

Calamari gratinati al forno light, Mangia senza Pancia

Che delizia veramente! L’olandese ed io ce lo siamo pappati con molto gusto fuori in giardino, come potete vedere dalle foto! E’ veramente un piatto molto nutriente ma leggero. Diviso in due persone viene bello abbondante e con una insalatona vicino e una fettina di pane è un buon piatto unico. Provatelo e poi fatemi sapere se vi è piaciuto! Nel frattempo:

Buon appetito!

by Giovanna Buono 

Aggiornamento 14 luglio 2016

– cottura nel fornetto Versilia

Calamari gratinati al forno light, versione Versilia Lorella Constantini, Mangia senza Pancia

Ecco come Lorella ha preparato i calamari gratinati nel Versilia: 
Ho usato la carta forno, inserito i calamari preparati come da ricetta. Cotto sul fornello medio: 5 minuti al minimo e poi 25 minuti abbassando la fiamma a poco più del minimo. Totale di circa 30 minuti.

Qualora foste interessati all’acquisto di un fornetto Versilia vi suggerisco di dare un’occhiata a queste due marche: fornetto Versilia Agnelli e fornetto Versilia Pardini.

– cottura nel fornello Estense

Calamari gratinati al forno light, versione estense Samuel Tiozzo, Mangia senza Pancia

Samuel non mi ha detto come ha usato l’estense ma non credo sia complicato visto che l’estense è un po’ come il forno tradizionale!

Qualora foste interessati all’acquisto di un fornetto Estense vi suggerisco di dare un’occhiata a questo modello: fornetto Estense Agnelli

Per imparare ad usare i fornetti invece vi suggerisco questo gruppo Facebook: Il Forno Sul Fornello.

segui Mangia senza Pancia su facebook la Newsletter di Mangia senza Pancia

 

 

18 Comments on Calamari gratinati al forno light

  1. Cristiana
    21 ottobre 2016 at 12:26 pm (7 mesi ago)

    Ciao Giovanna, ma perché non mi rimane attaccata la panatura? Ieri ho provato a farli per la seconda volta (la prima non li avevo asciugati ) ma ieri anche asciugandoli si è staccata… dove sbaglio? Grazie.

    Rispondi
    • Mangia senza Pancia
      21 ottobre 2016 at 4:42 pm (7 mesi ago)

      Cristiana ma è proprio strano!!! Non so che dire ma forse non capisco: intendi dire che in cottura si stacca? Tu scrolli bene nel setaccio/colino prima di mettere nella teglia? E’ l’unica cosa che mi viene in mente! E poi forse inizialmente non li devi toccare così la prima fase di cottura aiuta a far aderire bene la panatura se li smuovi troppo presto magari rischi che essendo ancora morbida si stacchi. A meno che tu non intendessi altro, fammi capire 😀

      Rispondi
      • Crsitiana
        23 ottobre 2016 at 3:12 pm (7 mesi ago)

        Si, in cottura. Boh riproverò anche perché di sapore sono buonissimi. Grazie

        Rispondi
  2. Scirocco
    3 febbraio 2016 at 2:02 pm (1 anno ago)

    Ci provo poi ti faccio sapere. Sembrano davvero buoni.

    Rispondi
  3. Katia
    28 gennaio 2016 at 9:07 am (1 anno ago)

    Ciao Giovanna,
    ogni tanto vengo a sbirciare il tuo blog alla ricerca di ricette leggere. Ne ho provato diverse, tra cui le tue torte rustiche con pomodorini e con peperoni, le zucchine ripiene, la pizza a mani pulite, le polpettine di carne al forno… Insomma ormai so che il successo è assicurato! Brava brava! Volevo chiederti per questa ricetta se è proprio necessaria la marinatura. Tempo fa avevo visto un’altra ricetta di calamari al forno, cosparsi si di pangrattato e prezzemolo, ma prima passati nell’albume dell’uovo sbattuto. Molto più light la tua versione!!!! Grazie mille!!!!

    Rispondi
    • Mangia senza Pancia
      29 gennaio 2016 at 9:06 am (1 anno ago)

      Ciao Katia e grazie! Mi fa piacere che ti sono piaciute quelle ricette 🙂 🙂
      Per i calamari beh, perchè vuoi eliminare la marinatura? Vengono più buoni!! 😉

      Rispondi
      • Katia
        29 gennaio 2016 at 2:08 pm (1 anno ago)

        Ho appena comprato i calamari! Ok, domani sera allora seguo per bene la tua ricetta! Ti saprò dire! Grazie mille!

        Rispondi
          • Katia
            4 febbraio 2016 at 2:04 pm (1 anno ago)

            Leggendo meglio la ricetta ho capito il senso della marinata… Pensavo la cipolla fosse intera e andasse scartata, come pure il prezzemolo… Marinatura indispensabile e ricetta riuscita!!! Io e mio marito, il mantovano, di gusti abbastanz difficili, ci siamo litigati i calamari!!! Grazie!!!

          • Mangia senza Pancia
            7 febbraio 2016 at 9:35 am (1 anno ago)

            Katia mi fa tantissimo piacere!!! 😀 😀

  4. nina
    2 gennaio 2016 at 7:37 pm (1 anno ago)

    Io l sto provando stasera a farli poi t dirò t ho scoperto 2gg fai e proprio x il pranzo mi hai isoirato con la minestra di riso e pollo ed è piaciuta anche a mio marito….allora t dirò. ?..ciao

    Rispondi
  5. sara
    22 ottobre 2015 at 5:51 pm (2 anni ago)

    ciao , da qualche giorno sto seguendo i tuoi consigli e le tue ricette , assumo 27pp al giorno e mi sento bene , spero di riuscire a buttar giu’ 7-8 kg , mi ha attirato questa ricetta perche’ vado matta per i calamari fritti , stasera provero’ questa versione , ora sono a marinare , grazie per quello che fai , ti seguo da un bel po’, anche se mi e’ partita la ” scintilla” solo lunedi’ , ma come si dice meglio tardi che mai !!!!

    Rispondi
    • Mangia senza Pancia
      22 ottobre 2015 at 6:08 pm (2 anni ago)

      Si Sara hai detto bene, più tempo passa e peggio è, almeno con questi consigli mangerai leggero e sano, spero ti troverai bene! In bocca al lupo e tienimi aggiornata se ti va 🙂

      Rispondi
  6. Alice
    7 ottobre 2015 at 9:16 pm (2 anni ago)

    Che buoni, i calamari non li ho mai mangiati così ma solitamente cucino le seppioline nel medesimo modo. Una bontà! Proverò con i calamari la prossima infornata! Grazie Giovanna per il bellissimo blog fonte di idee. Ciao
    Alice

    Rispondi
    • Mangia senza Pancia
      7 ottobre 2015 at 9:17 pm (2 anni ago)

      Ma grazie a te Alice! E continua come stai facendo, mi raccomando, sei bravissima 🙂 🙂

      Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *