Porte scorrevoli a scomparsa: ottimizza gli spazi di casa

Porte scorrevoli a scomparsa: l’alleato ideale per recuperare spazio

Le porte scorrevoli a scomparsa, un metodo funzionale per recuperare spazio e al contempo curare anche l’impatto estetico. I vantaggi che portano a scegliere questa tipologia di complemento d’arredo sono diversi: le porte scorrevoli non richiedono spazio come quelle a battente, non creano ingombri quando aperte, non possono sbattere se c’è molto vento e sono silenziose, verrebbe quasi da dire “felpate” per quanto è impercettibile il rumore che fanno quando vengono aperte o chiuse. Questi sono solo alcuni dei motivi per cui le porte scorrevoli in vetro e legno sono una soluzione scelta sempre più di frequente e non più soltanto in caso di appartamenti dagli spazi ridotti o quando le porte a battente sono così vicine fra loro da dare fastidio e risultare scomode.

Porte scorrevoli a scomparsa, i modelli più comuni

La ricerca dello stile e delle soluzioni perfette, in grado di adattarsi alle diverse tipologie di ambienti e alle richieste dei più esigenti interior designer o architetti, ha portato aziende italiane di fama internazionale, come Cocif, a creare prodotti in grado di rispondere a ogni desiderio o necessità. Quanti modelli esistono di porte scorrevoli a scomparsa e come si distinguono? Scopriamolo assieme.

Porte scorrevoli interne

Le porte scorrevoli interne sono l’ideale per i piccoli spazi dove ogni centimetro recuperato è un centimetro prezioso. È il più classico esempio di porta scorrevole a scomparsa perché quando viene aperta, la porta sparisce letteralmente nella parete. Si consiglia di montare questa porta quando ci sono dei lavori di ristrutturazione in corso perché l’installazione richiede di intervenire direttamente sulle mura di casa. La parete deve essere infatti svuotata per creare l’alloggio della porta, il quale viene costruito servendosi di un controtelaio e di una struttura che ospita il binario necessario per farla scorrere. Per tale ragione, inoltre, nella parete su cui eseguire il lavoro murario non devono essere presenti impianti di alcun tipo. Soprattutto in case dal piccolo metraggio, le porte scorrevoli in vetro che scompaiono nel muro sono essenziali per recuperare, oltre allo spazio, anche la luminosità, che di solito scarseggia in ambienti piuttosto angusti e ristretti. Le personalizzazioni disponibili per le porte scorrevoli, laccato bianco o bronzo scuro per l’alluminio, bianco o specchio per i vetri opachi, finiture satinate, acidate e reflex grigio e bronzo per i vetri trasparenti, le rendono adatte a soddisfare ogni gusto per inserirsi così in modo armonioso in ogni ambiente.

Porte scorrevoli esterno muro

L’installazione delle porte scorrevoli esterno muro è invece molto più rapida e facile da realizzare. Come lascia intendere il nome, queste porte scorrevoli non vanno a scomparire all’interno di una parete, ma scivolano letteralmente sopra di essa. Oltre alle possibilità di personalizzazione della porta stessa, le porte scorrevoli esterno muro permettono di scegliere se il binario deve essere visibile, diventando alle volte un complemento di design, o se invece deve sparire letteralmente sotto la porta senza lasciar alcun dettaglio in vista, la cosiddetta guida nascosta. La prima opzione ti permette di poter utilizzare binario e maniglie per giocare con i dettagli, mentre la seconda enfatizza la porta facendola diventare un vero e proprio elemento d’arredo.

Precedente Nuotare come una sirena oggi è possibile: trucchi e consigli per diventare Ariel Successivo 365 giorni, tutti i giorni per essere felice. Il libro da tenere sul comodino tutto l'anno