Nuotare come una sirena oggi è possibile: trucchi e consigli per diventare Ariel

Ammettiamolo, tutte noi, almeno una volta, abbiamo provato a nuotare come una sirena. Complice il grandissimo successo del cartone animato La Sirenetta del 1989, il mondo delle sirene è tornato alla ribalta e con esso il numero di appassionate di questa creatura mitologica che ha origini lontane. Anche se ancora non possiamo respirare sott’acqua, il sogno di molte di noi ora può diventare realtà: il nuoto a sirenetta è una vera disciplina, diverse piscine offrono corsi a tema ed è possibile comprare la coda da sirena dei nostri sogni.


Passione sirena


Quello per le sirene è un amore che è cresciuto nei secoli. Se per Ulisse le sirene erano però arpie pronte a soggiogare i malcapitati marinai con le loro voci angeliche, negli anni queste creature sono diventate sempre meno mangiatrici di uomini e sempre più eleganti figure protagoniste di appassionanti storie d’amore. Il mondo dei film e delle serie tv è quello che più ha fatto diffondere questa nuova versione della sirena, a partire, ancora prima di La Sirenetta, con Splash- Una sirena a Mahanttan, film in cui il protagonista interpretato da Tom Hanks si innamora della sirena Madison, interpretata da Daryl Hannah. Il successo di questa pellicola fu tale che venne candidato nel 1985 al Premio Oscar, ai Golden Globe e ai Saturn Awards in diverse categorie. È stata però la Disney a rendere mainstream la figura della sirena nel 1989 e a distanza di trent’anni è in lavorazione il live action de La Sirenetta. Questo remake, che vedrà come protagonista Halle Bailey nel ruolo di Ariel, sarà nelle nostre sale tra il 2020 e il 2021 e sbarcherà probabilmente nel mondo dello streaming su Disney+, la nuova piattaforma di video online del colosso dell’animazione.

Prendendo la palla al balzo sono molte le aziende del settore dell’intrattenimento e gli autori che hanno approfittato del grande successo delle sirenette e hanno prodotto serie tv, giochi e libri su questo tema. Nel 2006 il canale australiano Network Ten ha prodotto H2O, serie con protagoniste tre amiche che si trasformano in sirene. Il successo di H2O, fu così grande che vennero prodotti altri due spin-off, H2O-Avventure da sirene e Mako Mermaids -Vita da tritone, che sono state mandate in onda anche in Italia su Italia 1 e Rai 4 e sono ora disponibili su Netflix o acquistabili in formato dvd su Amazon. Chi ama giocare online può invece trovare diverse slot a tema sirena su Betway Casinò, tra cui la slot Mermaids Millions. Prodotta da Microgaming, questa slot offre infatti ai giocatori una grafica a tema acquatico in cui appaiono pesci, sirene e tritoni, con l’opportunità di poter selezionare modalità multigiocatore e ricevere ulteriori bonus. Le sirene sono anche le protagoniste di molti libri, tra cui spicca Sirene di Laura Pugno edito da Marsilio. Sovvertendo il trend secondo cui le storie in cui appaiono le sirene debbano essere storie romantiche, l’autrice racconta di un mondo in cui le sirene sono allevate dagli umani e l’umanità è vicina alla distruzione.



Come nuotare a sirena


Può sembrare sorprendente, ma il nuoto a sirena non è niente di nuovo: non è altro che una variante del nuoto a delfino in cui però le braccia vanno tenute ferme. Questa disciplina, chiamata anche mermaiding, richiede un movimento completo del corpo, la cui azione parte dalle spalle e finisce ai piedi e lo slancio delle gambe è ciò che permette di avanzare. Per facilitare questo stile di nuoto è stata creata una monopinna, in inglese monofin, in cui infilare i piedi, che ricorda la pinna caudale dei cetacei e permette di muovere una massa d’acqua maggiore. Vista la difficoltà di questo stile, i principianti dovrebbero iniziare con una pinna più piccola, per poi passare a quelle di dimensioni maggiori come quelle disponibili sul rivenditore online Swimmer Shop. Ciò che però non può mancare per nuotare come una vera sirena è la coda! Indossato insieme alla monopinna, questo accessorio dà il tocco finale al look da sirena e, avvolgendo gambe e glutei, permette di nuotare proprio come Ariel. In commercio è possibile trovare diverse varianti, pinna inclusa, con tanto di scaglie disegnate e, a volte, pinne laterali. Su Abyss Mermaid è possibile scegliere fra tantissimi modelli che si distinguono tra loro per colore e fantasia, mentre chi ha invece le idee più chiare e un pesce preferito può acquistare una coda che richiama i colori e le forme dei pesci più colorati come quello pagliaccio o paradiso su Ebay.

E per imparare a nuotare? Visto il grande successo di questo stile, sono diverse le piscine che hanno aperto corsi di nuoto a sirena. La Piscina Colonna di Milano offre corsi brevi, con tanto di costume, sia in superficie che in apnea. L’insegnante Carolina Ammendola accompagna le allieve a partire dai primi rudimenti fino alla creazione di vere e proprie coreografie, grazie alla sua esperienza nel nuoto sincronizzato. Basata invece nella provincia di Trapani, la scuola Sirenes Mermaid Lifestyle non offre solo corsi di nuoto, ma anche corsi di mermaid yoga, mermaid dance ed eventi in crociera. Il successo di questo stile di nuoto in tutto il mondo è in tale crescita che Planet Mermaid, una scuola che si occupa anche di vendita di accessori e code, è alla ricerca di nuovi istruttori da formare in questo stile di nuoto e per diffondere questa disciplina nelle piscine della Gran Bretagna.


Per chi ha sempre sognato di essere una sirena il sogno può diventare realtà. Grazie al sempre crescente numero di appassionate, la disciplina del nuoto a sirena si sta diffondendo sia in Italia che all’estero, con tanto di scuole specializzate. E con un po’ di pazienza a breve si potrà ritornare a sognare al cinema grazie la live action de La Sirenetta.

Nuotare come una sirena oggi è possibile: trucchi e consigli per diventare Ariel

Precedente Il gioco si tinge di rosa: l’amore delle donne per le slot machines Successivo Porte scorrevoli a scomparsa: ottimizza gli spazi di casa