Tamanù

Apprezzato dai popoli asiatici e considerato sacro, l’albero di tamanù presenta delle foglie lucide rappresentate da un bel colore verde, da cui spiccano fiori bianchi. I suoi frutti possono essere essiccati in modo da ottenere un seme oleoso, che verrà spremuto a freddo, per poi estrarre l’olio che prenderà il nome dell’albero “tamanù”. Egli ha molteplici proprietà: idratanti, antiossidanti, lenitive ed emollienti adatte nel trattamento di molte affezioni della pelle, dall’eczema all’acne. Facilita la rigenerazione dei tessuti cutanei ed esercita un’efficace azione di sollievo sulla pelle lesionata o irritata. L’olio di tamanù può essere utilizzato anche come complemento della bellezza della pelle in qualità della sua azione elasticizzante, antietà e normalizzante sul microcircolo, che lo rende un alleato prezioso contro le rughe, le smagliature e la couperose. L’olio di tamanù inoltre, ha proprietà antimicotiche e antibatteriche utili nel controllo delle infezioni in particolare le micosi ungueali (unghie infettate da un fungo) e il piede d’atleta. 

 

Precedente I cibi green mantengono l'abbronzatura Successivo Alimentazione e Buonumore