Singo

E’ lo scrub ossigenante composto da fiori e spezie. Il singo è uno dei rituali più allettanti della cultura Swahili. Si tratta di uno scrub cerimoniale pensato per la sposa prima delle nozze. Oggi è un ottimo rimedio da utilizzare alla fine dell’inverno per recuperare luminosità e freschezza, sulla pelle che, durante l’inverno, si presenta con una patina grigiastra e opaca. Grazie ai suoi ingredienti, in un mese la pelle recupererà vivacità! Il singo è uno scrub formato dalla rosa che ha la caratteristica di uniformare l’incarnato della pelle, dal sandalo che allontana le macchie sulla pelle provocate dall’età, dall’ylang ylang che facilita l’idratazione cutanea ed infine dal basilico che rivitalizza la pelle fiacca, con la mancanza del tono muscolare. Il singo si prepara tritando finemente un quantitativo a piacere di fiori secchi di gelsomino, geranio e boccioli di rose che si uniranno alle 5 gocce di olio di sandalo. Emulsionare il tutto con 2 cucchiai di acqua di rose, 1 goccia di olio essenziale di ylang ylang e 2 gocce di olio essenziale di basilico. Per il trattamento cosmetico basta massaggiare l’impasto (lo scrub) sulla pelle del viso umida, 2 volte a settimana. 

Precedente Primula Successivo Cumino dei prati