Prunella

E’ una pianta sparsa nei boschi e lungo i sentieri erbosi, spontanea in tutte le regioni dal clima temperato, la Prunella vulgaris, famosa con il comune nome “Brunella o Prunella” è una pianta commestibile e officinale. Ha diverse sostanze (flavonoidi, acidi organici, principi amari, tannini) che le danno qualità antinfiammatorie, astringenti, antisettiche e depurative, da interminabile tempo usata dalle medicine tradizionali. Nello specifico la pianta è considerata adatta contro i disturbi gastrointestinali (tra cui la dissenteria), per facilitare l’attività dei reni, ma anche per trattare i malesseri delle vertigini, delle emicranie e quelli neurovascolari. Diversi studi hanno sperimentato le qualità della Prunella allo scopo di verificarne l’efficacia nel combattere i disturbi collegati alle funzioni cognitive e, nello specifico, la perdita di memoria. Distribuita sotto forma di estratto, la Prunella, ha fatto vedere risultati promettenti, svolgendo attività anti-neuroinfiammatorie e migliorando i risultati cognitivi, si è quindi canditata a diventare un possibile alleata per sostenere le funzioni cognitive.

Precedente Danni della luce blu (tecnostress) Successivo Pancia piatta senza dieta