Lieve come un respiro, di Jennifer L. Armentrout

Lieve come un respiro Book Cover Lieve come un respiro
The Dark Elements, #3
Jennifer L. Armentrout
Urban Fantasy, Paranormal
Mondadori
9 febbraio 2016
Cartaceo/Ebook

Ogni decisione porta con sé delle conseguenze, è un fatto. Ma le scelte che si trova ad affrontare la diciassettenne Layla sono più difficili del normale. Luce o tenebra? Il sexy e pericoloso Principe degli Inferi Roth, oppure Zayne, lo splendido Guardiano che lei non avrebbe mai sperato di poter avere? A quale parte del proprio cuore dare ascolto? Layla, poi, ha un altro problema: è stato liberato un Lilin, un demone tra i più terribili, che sta portando devastazione nella vita di tutti quelli che la circondano, compreso il suo migliore amico Sam. Per risparmiargli una fine di gran lunga peggiore della morte, lei deve scendere a patti col nemico, mentre tenta di salvare la città, e tutta la sua specie, dalla distruzione. Divisa tra due mondi e due amori, Layla non ha certezze, nemmeno quella di sopravvivere, soprattutto quando un antico accordo torna a incombere su tutti loro. Ma a volte, quando sembra che la verità non esista, è il momento di dare ascolto al proprio cuore, schierarsi e combattere fino all'ultimo respiro.

Recensione “Lieve come un respiro” di Jennifer L. Armentrout

Con Lieve come un respiro si conclude la serie “The Dark Elements” di Jennifer L. Armentrout, destinata ai ragazzi ma che piace proprio a tutti. E come non amare questa saga con due figoni come Roth e Zayne!   😆

lieve come un respiro

La saga di per sé non è male, gli elementi per piacere ci sono tutti: triangolo amoroso, due ragazzi (guarda caso uno moro e uno biondo) che si contendono la tipica ragazza insicura di se, un cattivo diabolico e una prospettiva di morte per tutta l’umanità.
Come libro di suo non mi ha conquistata. Ho preferito i primi due rispetto a questo. L’ho trovato scritto in maniera molto frettolosa, come se l’autrice volesse cavalcare l’onda del successo il più in fretta possibile. Certe cose le avrei trascinate fino in fondo. Ad esempio, già dopo tre capitoli Layla sceglie con chi stare e chi non sceglie sparisce dal libro per poi ritornare verso la fine. Ecco, magari il triangolo amoroso l’avrei fatto arrivare fino alla fine, dopo tutto il secondo libro si conclude in maniera davvero ottima per un’indecisione (del tutto giustificata perché io tutt’ora sono confusa!) sui sentimenti di Layla. Io sinceramente non avrei scelto, me li sarei tenuta tutti e due chiusi in cantina! Sono troppo fighi entrambi i personaggi. Ma la Amrentrout a quanto pare ha fatto la sua scelta invece.
Va bene, basta parlare del triangolo amoroso, di quanto sia figo Roth e di quanto attragga Zayne. Dal punto di vista della trama la storia è molto bella. Insomma il secondo libro si conclude con una scoperta che strazia i cuori (o almeno il mio) e questo terzo romanzo deve, in qualche modo, farci rendere conto che dobbiamo andare avanti. E’ scritto molto bene, con uno stile fresco e giovanile, non molto ricco di dettagli e descrizioni ma pieno di colpi di scena, momenti esilaranti ma anche tristi. L’unica pecca è che, a mio avviso, non è stato sviluppato molto bene. E voi cosa ne pensate?

Lascia un commento qui sotto per farci sapere cosa ne pensi di questa recensione e di questo libro.
Seguici anche su Facebook sulla pagina Mi trovi tra le righe!

Precedente I vampiri della bassa - di Chiara Negrini Successivo Ippocampo romanzo di Alda Teodorani