Divergent, la mia recensione del film

Il 3 aprile 2014 è uscito al cinema il film Divergent, tratto dall’omonimo romanzo distopico di Veronica Roth. Purtroppo non ho avuto tempo per andarlo a vedere nelle sale cinematografiche, ma per fortuna è uscito su Sky ultimamente. Ho colto l’occasione e me lo sono guardata con le amiche.

Il romando Divergent è il primo di una trilogia distopica ambientata nel futuro. Di per se mi era piaciuto, ma mi aspettavo un qualcosa di più. L’autrice, infatti, ha una scrittura molto “scivolosa”, nel senso che mi distraevo dal romanzo per ogni minima cosa. Non è riuscita a catturare al 100% la mia attenzione. Detto questo, premetto che il romanzo non me lo ricordo benissimo.. Solo le cose essenziali, utili poi per capire il seguito, Allegiant.

28b97a40-a4ca-11e3-b71d-1f078fe3e04f_divergent

Il film è stato abbastanza fedele al romanzo. La scelta degli attori è stata azzeccata: Theo James mi piaceparticolarmente come Four, o Quattro.. Dipende da come volete chiamarlo. Nel libro, infatti, Tris sottolinea spesso che Four ha una bellezza particolare, così come l’attore. Divergent_film Anche Shailene Woodley mi piace come Beatrice, me l’ero immaginata proprio così.
Non capisco una cosa però: perché Edward non compare? Se avete letto i libri potete capire a cosa mi riferisco. Lui è comunque importante in Allegiant e Insurgent. In più, secondo me, era fondamentale anche per la sotyline di Peter. Nel romanzo, Peter, infila un coltello da burro nell’occhio di Edward perché è il migliore della “classe”. Quest ultimo decide, quindi, di lasciare gli Intrepidi e diventa un Escluso. Ma alla fine di Insurgent, Peter decide di compiere una scelta anche per il male che ha fatto agli altri, sopratutto ad Edward. Con questo, per riassumere, dico che al personaggio di Peter non è stata data molta importanza. Tris e Four provano disprezzo per questo ragazzo, e dal film non emerge. Anche perché non ne hanno motivo.. A parte il fatto che è pungente con le parole, non ha mai fatto niente di spregevole, oltre ad aggredire Beatrice.

La mia recensione finisce qui. E’ breve, vero, ma non so che altro dire. Nel complesso è un film davvero bello. Ha uno svolgimento molto lento, come il libro dopotutto. Deve prima spiegare com’è il mondo di Beatrice Prior, ma già a metà inizia ad avere un po’ di azione. Diciamo che è un “film lento ma che tiene incollato allo schermo dal primo fino all’ultimo minuto”.

divergent-cast-fi

Se siete curiosi di leggere i romanzi e volete un parere, sul blog troverete le mie recensioni.

Divergent Serie
0,5. Four, ancora inedito in Italia
1. Divergent, per la recensione clicca qui
2. Insurgent, maggio 2013, per la recensione clicca qui
3. Allegiant, marzo 2014, per la recensione clicca qui

Precedente Segnalazione "#ScrivimiAncora" di Cecelia Ahern Successivo Anteprima "Il mio splendido migliore amico" di A.G Howard