Basta stare a spiegare a chi non vuole capire.

La comunicazione è alla base di ogni rapporto che si rispetti.

Parlare e confrontarsi nelle relazioni aiuta a conoscere meglio i desideri dell’altro e a fargli conoscere i propri. Una sana comunicazione aiuta a crescere e a far crescere una relazione. Non può esistere Amore vero laddove un sano dialogo non c’è.

La comunicazione spesso spaventa. Non tutti sono disposti ad aprirsi, perchè aprire la propria mente a qualcuno significa affidargli il proprio cuore. Aprirsi a qualcuno ci rende vulnerabili e quando ci apriamo alla persona sbagliata il rischio di soffrire è alto.

Le troppe spiegazioni in un Amore indicano assenza di Amore.

Parlare è importante. Parlare è fondamentale, ma il vero linguaggio in Amore è quello fatto di parole che non si dicono. E’ un dialogo quello in cui due persone si abbracciano. E’ un dialogo quello in cui ci sono piccoli gesti e rituali quotidiani che avvengono spontaneamente senza bisogno di chiedere. Due persone che si amano sono due persone che litigano, che non si comprendono ma che si impegnano per comprendere e per risolvere la situazione. Quando le troppe parole sormontano le carezze, i baci, gli abbracci non c’è più amore.

Qualche volta poi parlare non ha più senso.

Succede quando si è parlato troppo e male o quando a parlare era sempre e solo una persona. Arriva un momento in cui ci si stanca di parlare. Quando un orecchio è sordo alle esigenze dell’altro non potrà mai veramente capire. E prima o poi questo si impara. Lo si impara con sofferenza e con dolore. Ci sono persone così accecate dai propri bisogni che non ascoltano. Sono gli egoisti, coloro per cui potrai dare il massimo nella vita ma non servirà a niente.

Qualsiasi comunicazione d’amore che si rispetti affonda le sue radici nella volontà reale e concreta di mettersi in discussione con l’altro e – se necessario – ammettere la possibilità di non avere sempre ragione.

Riproduzione riservata – Elena.

Precedente Se è il massimo che puoi avere da lui, sei sicura che ti basti? Successivo Insegnerò a mia figlia ad essere se stessa.

Lascia un commento