“Era solo e rannicchiato sul sedile di un treno. Sono riuscita a fotografarlo e quella foto gli ha cambiato la vita”

Forse l’avrete già letta la sua storia. A metà agosto, la sua foto girava sui social. Era diventato, suo malgrado, famoso e tutti si erano mobilitati per aiutarlo. Stiamo parlando di un cagnolino dolcissimo addormentato su uno dei sedili di un treno. Nessuno sapeva com’era arrivato li né chi l’aveva dimenticato (o lasciato). Ma cominciamo dall’inizio.

Nella mattina del 17 agosto, sul treno delle 6:35 che da Passo Corese porta a Fiumicino, c’era una ragazza che stava andando al lavoro. Durante il viaggio si è accorta che su un sedile c’era un cane che dormiva. Nel vagone non c’erano altre persone, quindi il cane viaggiava sicuramente da solo. Lei doveva andare al lavoro e non poteva prenderlo. Ha pensato dunque di allertare il personale del treno, non prima di scattargli una foto e postarla sui social.

cane_viaggiatore_la_matte_raffy

Di lui si sapeva poco. Aveva il manto chiaro, indossava un colare d’acciaio ed era molto buono e docile. Sembrava anche ben curato, quindi le forze dell’ordine hanno subito pensato a uno smarrimento. C’erano varie ipotesi e tutte possibili. Il cane avrebbe potuto salire da solo, dopo essersi perso. Poteva essere stato abbandonato nei pressi della stazione o, addirittura sul treno. Poteva essere stato dimenticato dai suoi proprietari, ma in quel caso doveva esserci una denuncia.

Risultati immagini per polfer fiumicino

Infatti, la foto postata su Facebook ha scatenato non pochi dibattiti ed è stata molto condivisa. Il cane del treno Fara Sabina – Fiumicino è stato portato nel canile della Muratella a Roma. Fortunatamente, nel giro di poche ore, i funzionari della Polfer sono riusciti a rintracciare la sua famiglia. Pare che il cane si era allontanato da casa e, in qualche modo, è riuscito a salire sul treno delle 6.35 da Fara Sabina a Fiumicino ma mancano le conferme ufficiali.

Non si conoscono i nominativi dei proprietari ma speriamo che dopo questa disavventura si decidano di mettere il microchip al loro cagnolino.

Fonte: tesoriaquattrozampe.it