preparate i popcorn

Vita da blogger: preparate i popcorn!

Preparate i popcorn, perché vi serviranno.

In questi giorni c’è stata un po’ di baruffa su Facebook: un’autrice italiana che si autopubblicava su Amazon è stata beccata a copiare il libro di un’altra, una scrittrice americana.
Il fattaccio è emerso grazie ad una lettrice che ha scritto una recensione su Amazon, mettendo in evidenza i passaggi copiati spudoratamente, virgole e nomi compresi.
La scrittrice italiana ha minacciato di sporgere denuncia nei confronti della lettrice che, per tutta risposta, ha modificato la recensione aggiungendo altri brani copiati, per un totale di 25 spezzoni.
La scrittrice ha rimosso il post della denuncia dalla sua bacheca di Facebook e ne ha scritto uno in cui si diceva “schifata da se stessa”, salvo poi eliminare centinaia di commenti e il post stesso il giorno dopo, per tornare alla denuncia.

Preparate i popcorn!

In tutto questo bailamme, gli atti di sciacallaggio si sono ovviamente sprecati: autori self che pontificavano dalle loro bacheche di Facebook prendendo le distanze dalla plagiatrice mascherata con post stile “Scegli me! Ama me! Compra me! Io non copierei mai! Non copiavo nemmeno durante le verifiche a scuola!” (grazie Sally per lo spunto 😉 )

Tralasciando questi che si sono divertiti a banchettare con il cadavere del morto, mi è capitato tra le mani un articolo di pessimo gusto scritto da un altro pseudoautore e blogger. In buona sostanza, lui riferisce i fatti sempre facendo nomi, cognomi e soprannomi, lanciandosi in congetture tipo: è la casa editrice dell’autrice originale che si è divertita con questa operazione di marketing, è un esperimento, ecc.

Tutto lecito, per carità.

Quello che proprio non mi è piaciuto è il suo dare delle analfabeti a chi legge libri erotici e romance in generale, utilizzando per altro un linguaggio molto colorito.

Preparate i popcorn!

Ora… io non conosco ogni singolo libro che viene pubblicato ogni giorno, ma già qui siamo tante. E nessuna di noi aveva mai sentito nominare questo scrittore. Tra le altre mie conoscenze, blogger, altri autori e tantissimi lettori come me, solo la ragazza che mi ha linkato l’articolo aveva sentito parlare di questo finissimo scrittore (e ha anche aggiunto che ha sempre questo atteggiamento spocchioso e sgradevole). Forse vorrà dire qualcosa.

C’è solo un messaggio che mi piacerebbe far arrivare a questo  autore senza dubbio pieno di talento: non si criticano mai i lettori per i libri che leggono. Forse i libri veri li avrai letti solo tu. Forse è vero e l’erotico è un genere di merda. Io non leggo erotici, per esempio. Quasi mai. Ho letto le 50 sfumature, il primo libro, e ho distintamente sentito i miei neuroni morire. Per contro, ho letto anche Anaïs Nin e mi è piaciuto il suo modo di scrivere, pur non piacendomi il genere. Che senso ha dare dell’analfabeta a chi legge un genere che a noi non piace? A che pro insultare un lettore? Non so quanto possa pagare la strategia del “in bene o in male basta che se ne parli”. Anche perché siamo tutti grandi e quasi tutti abbiamo finito di leggere per obbligo ed è giusto e sacrosanto che ognuno legga ciò che lo fa stare meglio in quel determinato momento della sua vita, senza sentirsi appellare in modi ignobili.

Forse bisognerebbe tutti smetterla di pensare che gli altri siano tutti deficienti e iniziare a considerare il fatto che, prima o poi, saremo tutti gli altri di qualcuno…

Vi lascio alle vostre considerazioni e vado a preparare i popcorn. Ho volutamente evitato di fare nomi. Non servono. Non serve dare altra visibilità a chi non la merita e non mi piace aizzare le masse (sì, me la sto tirando… mi piace pensare che oltre a mia mamma e alle mie amiche, ci legga anche altra gente 😀 ), quindi, per cortesia, vi chiedo di non fare nomi negli eventuali commenti. Fatemi sapere però cosa ne pensate.
Se vi interessa, qui trovate il nostro approfondimento sul plagio.

Resta connesso. Segui la nostra pagina Facebook e iscriviti alla newsletter, in modo da non perderti nemmeno una novità.

Fonte di tutte le gif: media.tenor.com

 

2 thoughts on “Vita da blogger: preparate i popcorn!

  1. Eeeeeeeeeeeh ma c’è chi si sente VERBO e gli altri non sono nessuno!!! Concordo con la scelta di non fare nomi, non serve dare visibilità a queste persone.

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.