libri di cui ti vergogni

Libri di cui ti vergogni!

Libri di cui ti vergogni! – Tutto quello che ci piace, ma che non raccontiamo a nessuno!

Oggi parliamo dei libri di cui ti vergogni.

Mi spiego meglio: tutte noi abbiamo quello scheletro nell’armadio, quel segreto nascosto in fondo al cuore, quel titolo che non ammetteremmo mai di aver letto e amato. I motivi possono essere diversi: magari non vogliamo mostrare alcuni lati del nostro carattere, magari abbiamo amato una lettura con tutta la passione dei nostri 15 anni e non riusciamo a staccarcene, o magari dentro di noi pensiamo che QUEL libro o QUEL genere non siano “degni”.

libri di cui ti vergogni

È dunque per liberare me e tutte voi da questo peso sul cuore che sono pronta a confessare. Sono pronta a svelare a tutte voi quali sono i titoli che tengo chiusi nel cassetto. Ma chiusi bene eh! Che mi vergogno!! E dire che sono onnivora! Ho imparato a leggere molto prima di andare a scuola e, da allora, ho letto qualsiasi cosa. Fumetti, classici, horror, romanzi di avventura e romanzi rosa, distopici, tutto! Tornavo dalla biblioteca carica come un mulo!

Ho letto tante cose che a posteriori avrei voluto non leggere eh, non è che mi sia sempre piaciuto tutto, ma non sono i libri che non ci sono piaciuti l’argomento di questo post! Assolutamente no! Al contrario!

Siete pronte? No, io no, non ancora.

Ho passato anni a nascondere accuratamente questa mia piccola passione. A nascondere le mie vergogne dietro libri più socialmente accettabili con scene tipo: “Hey Sally cosa stai leggendo?” “Platone, what else??”

libri di cui ti vergogni

Ho passato interi pomeriggi a nascondermi tra gli scaffali di biblioteche e librerie, guardandomi intorno per controllare che non ci fosse nessuna faccia conosciuta nei paraggi, furtiva come un ninja, col risultato di far insospettire commessi e bibliotecari che mi scambiavano immancabilmente per una taccheggiatrice, e hai voglia a protestare “NO, davvero, giuro che lo pago, ma non dica a nessuno di avermi vista!!! Lo prometta!!”. Certe cicatrici non si cancellano.

libri di cui ti vergogni

È un po’ come quando ci si ritrova ad ascoltare quel tormentone estivo di tanti anni prima, ci si ricordano i bei tempi andati e poi, quando qualcuno ci sgama: “Oh no che orrore questa canzone!!”. Ceeeeeeerto.

 Sara Emme. Perdonami. Non ho potuto resistere
Libri di cui ti vergogni..

Insomma. Ne sono sicura. Tutte noi abbiamo un libro del cuore di cui ci vergogniamo tantissimo.

Io lo confesso, qui ed ora: mi piacciono gli Harmony. Quelli vecchi vecchi che si trovano a pacchi nei negozietti delle località turistiche, sepolti tra maschere da snorkeling di pessima qualità e gonfiabili per bambini! Proprio quelli! Sdolcinati all’inverosimile e con quelle copertine agghiaccianti stile anni 80! Ne vado matta! Soprattutto quelli ambientati nel ‘700!

E voi? Confessate! Vogliamo sapere quali sono i “libri di cui ti vergogni”, quelli che avete tenuto nascosti in fondo alla libreria girati al contrario per tutti questi anni! Coraggio, siamo tra amiche! Liberatevi anche voi dei pregiudizi letterari e diteci cosa amate DAVVERO!

Resta connesso. Segui la nostra pagina Facebook e iscriviti alla newsletter, in modo da non perderti nemmeno una novità.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.