Dannati – La trilogia – Glenn Cooper

Dannati – La trilogia – Glenn Cooper

Oggi parliamo di un’altra trilogia che ho particolarmente amato. Sto parlando di Dannati di Glenn Cooper.

La trilogia è così composta:

  • Dannati
  • La porta delle tenebre
  • L’invasione delle tenebre

Siete pronti? Si parte verso l’Oltre!

Dartford, UK: nel laboratorio del Massive Anglo-American Collider (MAAC), la tensione è alle stelle.

La dottoressa esperta in fisica delle particelle Emily Loughty sta per avviare il gigantesco cugino del Large Hadron Collider del CERN di Ginevra alla ricerca dei gravitoni, sfuggenti particelle subatomiche, difficilissime da individuare ma che, una volta scoperti, si rivelerebbero d’importanza fondamentale ai fini scientifici.

John Camp è americano, ex Berretto Verde e capo della sicurezza nel complesso del MAAC. Ha avuto una relazione con Emily, finita malamente. Tuttavia, nonostante abbia una nuova ragazza, è ancora innamorato di Emily ma non ha il coraggio di ammetterlo nemmeno con se stesso.

Finalmente, arriva il momento di avviare il MAAC. Emily segue con interesse l’esperimento quando si rende conto che l’energia del MAAC sta aumentando troppo e troppo in fretta. La sua richiesta di spiegazioni viene liquidata dal dottor Quint, capo del laboratorio, e l’energia viene spinta fino a 30 TeV.

Fu allora che David Laurent si accorse che c’era qualcosa che non andava con lo spettrometro a muoni. «Ehi! Il rilevatore sta dando i numeri!» strillò con la sua tipica vocina stridula. «Non so cosa stia succedendo.»
Emily stava per correre verso la sua postazione quando accadde qualcosa.
John batté le palpebre, confuso e incredulo. Prima che potesse aprire bocca, sentì Trevor urlare: «Ma che cazzo è successo?»
Emily era sparita.
E al suo posto c’era un’altra persona.

L’altra persona comparsa al posto di Emily scappa portando con sé una giornalista come ostaggio che, dopo poco, viene ritrovata morta. L’analisi delle impronte digitali rivela che lo sconosciuto è in realtà Brandon Woodbourne, impiccato nella vecchia prigione di Dartford l’8 aprile 1949.

È il caos. Com’è possibile che una persona che dovrebbe essere morta da più di cinquant’anni sia tornata da chissà dove e sia libera di uccidere ancora? E dov’è finita Emily?

L’unità di crisi viene attivata immediatamente e si ipotizza che Emily sia finita in una sorta di dimensione parallela. L’idea è riavviare il MAAC per ricreare le stesse condizioni dell’esperimento durante il quale è sparita Emily e mandare qualcuno nell’altra dimensione a cercarla. Chi? John Camp si offre immediatamente volontario.

Dopo diverse insistenze, John la spunta e il MAAC viene riavviato. John si ritrova in un posto stranissimo dove incontra Dirk che gli rivela l’orrenda verità:

«Che posto è questo?»
«Non lo sai?»
«Amico, non ne ho la più pallida idea.»
I suoi modi affabili sembrarono funzionare. Il volto del ragazzo si addolcì e le labbra cominciarono a tremare. «È l’Inferno, ecco cos’è.»
John scosse la testa. «Sì, me ne sono accorto subito che è un posto di merda, ma non hai risposto alla mia domanda. Dove siamo?»
«Te l’ho detto, all’Inferno.»

Riuscirà John a trovare Emily? E quali conseguenze avrà avuto il riavvio del MAAC sulla Terra?

Le copertine americane della trilogia. Cosa ne pensate?
Le copertine americane della trilogia. Cosa ne pensate?

In questo viaggio nell’Oltre, incontrerete un sacco di personaggi realmente esistiti come Garibaldi, Enrico VIII, Cromwell, Caravggio… tutti finiti all’inferno per un motivo o per l’altro. Vi ritroverete a pensare che alcuni siano finiti lì per errore eppure, la giustizia divina non scende a compromessi…

La trilogia di Dannati mi ha colpita parecchio. I libri sono usciti in italiano in circa 14 mesi, quindi non ci sono state attese infinite per arrivare alla fine della storia. Del finale ovviamente non vi parlo, anche se ci sarebbero tante cose da dire in merito.

La storia è ben scritta, per quanto confusionaria possa sembrare. Alcune cose un po’ troppo tecniche sulle spiegazioni del funzionamento del MAAC mi hanno costretta a fare ricerche on line per capire bene il meccanismo ma, a mio parere, questo è un lato positivo: è sempre bello quando si impara qualcosa di nuovo, no?

Ho trovato geniale l’idea di dare “nuova vita” a tutti quei personaggi storici che abbiamo incontrato sui libri di scuola, un po’ come se fosse una rivisitazione della Divina Commedia.

Il confine tra bene e male, che pare così sfumato nella vita di tutti i giorni, in realtà non lo è affatto. Alcuni Dannati hanno capito perché sono finiti nell’Oltre e cercano di espiare le loro colpe anche se la punizione sarà eterna, altri invece, continuano imperterriti a comportarsi esattamente come in vita.

Non vi resta che leggere la trilogia per saperne di più.

Il finale vi lascerà letteralmente a bocca aperta.

E a proposito di Glenn Cooper, non perdetevi l’articolo di domani: c’è una sorpresona per voi!

 

Resta connesso. Segui la nostra pagina Facebook e iscriviti alla newsletter, in modo da non perderti nemmeno una novità.

[Fonte immagini: google]
 

1 commento su “Dannati – La trilogia – Glenn Cooper

  1. Salve, ho da poco iniziato questo lavoto di Cooper. Che dire: come gli altri (ho letto quasi tutti i suoi libri) sono divertenti, forse la scelta di un seguito (trilogia) è un po’ “furbetta” ma, paragonata alle “serie televisive” non mi dispiace.
    Saverio (individuo maschio che legge)

     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.