23 Motivi per cui non amo l’Estate

Salve gente!

Nel post sull’abbronzatura vi avevo accennato il fatto che io non amo l’estate. Visto che già mi era venuto in mente diverse settimane fa di fare un post sulle cose che non tollero dell’estate, eccoveli qua! Buona lettura 🙂

Immagine creata su imgflip.com

#1 Le zanzare

Sarà che sono sempre stata in carne, ma ho sempre attirato le zanzare e io non tollero le loro punture. Mi viene da grattarmi in ogni dove senza contegno, cosa che di sicuro non fa bene alla mia povera pelle. Giusto per darvi un’idea di quanto io attiri questi insetti malefici, vi dico che in una sola giornata le mie braccia hanno ricevuto circa 10 punti di zanzara. E questo è niente! Una volta, in una zona di mare, 15 per polpaccio! Povera me… T_T

#2 Le zanzare tigre

Cosa c’è di peggio delle zanzare? Le zanzare tigre, naturalmente. Visto il mio rapporto idilliaco con le precedenti, non poteva essere altrimenti. Pungono anche di giorno e, anche quando non gratto le loro punture (più fastidiose peraltro), mi resta una sorta di livido per settimane. Ne vogliamo parlare?! Fortuna che esistono le zanzariere…

#3 Cucinare è impossibile

Non che mi faccia male mangiar meno vista la mia stazza, il punto è che la mia attenzione si sposta su altro, quindi ciccia. Stare davanti ai fornelli, con tutti i vapori che non fanno altro che aumentare l’umidità già presente nell’aria è una tortura, per cui finisco con il mangiare roba che non necessita cottura: mozzarella, frutta, insalata, gelato ecc.

#4 Sentirsi debilitati

Se in inverno posso fare passeggiate che durano ore, fare zumba e così via, in estate le forze mi abbandonano, e anche fare la strada tra la stanza e il bagno diventa un’impresa ardua senza il ventilatore. Non ne parliamo se mi trovo fuori casa e sotto al sole.

#5 La prova costume

Ogni estate ritorna puntuale. E ogni anno viene maledetta da migliaia di donne normali che non possono e/o non vogliono fare dieta e super allenamenti alla Belen (che diciamocelo, durante il giorno non fa una mazza, scusate il francesismo)

#6 Tipi e tipe da spiaggia

E’ estate e gran parte della popolazione si sente in diritto di vestirsi come se fosse in spiaggia: gonne inguinali (ci sono anche d’inverno, ma quanto meno ci sono i collant), infradito da spiaggia, i costumi bermuda usati come normali calzoncini ecc. Vogliamo parlare della gente che esce in canottiera (rigorosamente bianca a costine) con tanto di ascella pelosa in bella vista?! Per non parlare di quando la suddetta canottiera viene rigirata sulla pancia che viene lasciata a prendere aria sotto l’occhio dei passanti.

#7 Tipi da spiaggia nelle città di mare

Ho visto città che, nelle zone di mare, durante le ore del giorno e del pomeriggio, vengono invase da gente che gironzola in costume, senza farsi il benché minimo problema. Immaginate la povera gente che ci abita tutto l’anno: prendiamo un pinco pallino qualsiasi che lavora in un supermercato e si ritrova circondato da clienti in costume, senza neanche il copricostume. Certo, di sicuro è a prova di furto…

#8 Gli zoccoli di legno

Più che gli zoccoli in sé, il problema lo crea chi li indossa. Avete presente il rumore dello zoccolo trascinato a terra e il pat pat di quando sbatte contro la pianta del piede?! Non c’è bisogno di aggiungere altro…

#9 I tormentoni estivi

Come se la musica esistesse solo in state e i tormentoni ci fossero solo in estate, i telegiornali puntualmente, decidono quale canzone sarà il nuovo tormentone estivo. Anche no, se si tratta di roba come La canzone del capitano, Pulcino pio e così via. Per me sono piacevoli quanto i morsi di zanzara.

#10 Il contatto fisico

Non mi riferisco solo alla pubblicità del Nestea, ma a qualsiasi tipo di contatto. Anche stringere la mano per presentarsi o salutare può diventare una cosa molesta con 40°.

#11 Rumori molesti

Io soffro il caldo da morire, per cui in estate le finestre stanno aperte diverse ore al giorno, cosa che mi permette di sentire i vicini che rompono i piatti per sbaglio (o almeno credo), i loro cani che abbaiano anche se si muove una foglia, le loro discussioni e conversazioni, ma non mi permette di sentire la TV con un volume che non sembri quello di una vecchietta sorda che non può permettersi di andare da amplifon.

#12 Questione di peli

Bisogna stare attenti anche ai micropeli che in inverno possiamo bellamente ignorare. Ma non solo. Bisogna anche subire visioni orripilanti di uomini (donne finora non mi è mai capitato) più pelosi di Remus Lupin a trasformazione ultimata nelle notti di luna piena. Ci tengo a precisare che non sono a favore degli uomini depilati, ma se la schiena è cosparsa di un folto tappeto nero e riccioluto, non è che sia proprio un bel vedere, ecco.

#13 “Profumo d’estate”

In estati percepisco maggiormente gli odori. Buoni o cattivi. E in estate si suda e molto. Se due+due fa quattro, dovreste aver capito cosa intendo…

#14 La TV va in vacanza

Nella maggior parte dei casi, ogni estate, la TV ci propina sempre gli stessi programmi e gli stessi film. Fortuna che esistono le serie tv arretrate!

#15 I vestiti appiccicaticci

Forse una delle cose più moleste della stagione estiva… Non faccio in tempo ad uscire di casa, che già sento i vestiti che mi stanno attaccati come una cozza allo scoglio e l’unica cosa che vorrei fare sarebbe tornare a casa e starmene in pigiama.

#16 La sessione estiva

Probabilmente chi è ancora alle superiori non capirà, mentre tutte le universitarie sì. Giusto per farvi rendere conto, due anni fa sono arrivata a fare un esame il 31 luglio. Rendo l’idea?!

#17 La gente che: “Ma tu al mare, niente?”

Assumere un leggero colorito non mi dispiace, l’abbronzatura intensiva color caramello-coca cola o qualsiasi altra cosa paragonabile no. E poi ti arrivano i soliti individui che, ignari del fatto che tu studierai fino alla fine di luglio e che ad agosto dovrai già riprendere a studiare per la sessione di settembre, ti vengono a dire: “Ma come sei bianca! Ma perché non vai al mare e ti abbronzi?” . In quel momento l’unica risposta che vorrei dargli è “E tu perché dai aria alla bocca?”. 

#18 L’abbronzatura da muratore

Qui la situazione è un po’ controversa, ma da studentessa, e attualmente lavoratrice, pendolare, mi capita spesso di fare chilometri a piedi sotto al sole tra maggio e luglio e indossando vestiti (la gente normale usa farlo), il segno della maglietta è inevitabile nonostante l’uso di una protezione solare con fattore di protezione millemila.

#19 L’aria condizionata

E’ un po’ un controsenso sparata così, ma avete idea degli sbalzi di temperatura tra l’interno e l’esterno di alcune strutture?! Ad esempio dove sto lavorando devo stare con il maglioncino se no mi vengono, matematicamente, mal di schiena e mal di collo, poi esco fuori e mi sciolgo.

#20 Matrimoni, cresime etc.

Da maggio in poi inizia il periodo delle cerimonie. Ok, la gente preferisce festeggiare con la bella stagione, ma al solo pensiero di dover stare in una chiesa sui tacchi e con un abito scomodo (i maschi con camicia, giacca e cravatta), quando fuori ci sono tipo 40°, a me fa solo passare la voglia…

#21 Perché “In estate esco di più”

Ogni volta che sento questa frase, ho sempre l’istinto di batman nella vignetta sopra… Per la sottoscritta, l’unica fase del giorno in cui si può uscire di casa in estate, è la sera. Finché c’è il sole e le temperature sono troppo alte, sto rintanata in casa come Dracula con un ventilatore come amico.

#22 Le cosce in fiamme

Essendo cicciottina da sempre, una delle cose che ho sempre odiato dell’estate è lo sfregamento dell’interno coscia. Arghhhhhh! Chi l’ha provato almeno una volta nella vita sa di cosa sto parlando e capirà, chi non l’ha mai provato… beh è molto fortunata/o!

#23 La pubblicità Sammontana

Ditemi che non sono l’unica che non sopporta quelle frasi associate a quelle voci biascicate U_U e non aggiungo altro…

Anche voi, come me, non impazzite per l’estate? Avete qualche punto in comune con me? Che ne dite di aiutarmi ad aggiungere qualche punto? (ovviamente inserirei i vostri nomi ed eventuali riferimenti blog e social). Fatemi sapere 😉

b1c7d9da877d9667bccd07e47f827905

11 commenti

  1. Oh mio…ma sei uno spasso!!!! Sulla sessione estiva non sai quanto ti capisco guarda sono anni ormai che non ho un’estate “normale” XD
    Per il caldo…non mi turba molto, forse perché in ogni caso sono sempre seduta alla scrivania -.-‘
    Baci
    Freya

  2. La sessione estiva e i tipi che ti domandano perchè non vai al mare gli odio anche io,insieme a tante altre cose che hai nominato,tipo la stanchezza e il sudore! Ma in generale non sopporto l’estate,anche perchè finisco sempre con lo scottarmi -.-

    1. No povera! Anche con le protezioni più alte?!
      Mi consola sapere che non sono l’unica ad essere poco tollerante nei confronti di questa stagione XD

  3. Oddio, potrei aver scritto io tutto questo *_* Io francamente non amo mare, spiagge e abbronzature. Qui da me c’è fin troppo caos per essere tollerato dalla sottoscritta, va da sè che se durante tutto l’anno sono già cadaverica, d’estate vengo tartassata da gente che per l’appunto fa battute sul mio colorito, e io vorrei tanto prenderli a cazzotti -_-
    Poi in generale non mi piace boccheggiare come un pesce per l’afa, amo molto di più la primavera. Complimenti per il divertente -ma sincero- post! 😀

    1. Ahahahah 🙂 ti capisco cara, ti capisco!
      Anche per il me il caldo e l’afa qui sono troppi e fare qualsiasi cosa, con questo clima, per me diventa una fatica (anche andare da una camera all’altra XD )
      Grazie mille per i complimenti <3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.