Crea sito

Archive for the Cucina Category

Christmas was

Posted on lunedì, dicembre 26th, 2016 at 08:40

 

tagliatelle zucchine e gamberi

Del Natale collezioniamo il ricordo.. e la ricetta del piatto forte.

Poco convenzionale perché piatto da Vigilia ma non è avanzato comunque.

Le tagliatelle fatte a mano, i gamberetti fritti in olio e il gambero alla piastra.

Il sugo delle tagliatelle:

cipollotto stufato in olio, zest di zucchine, fiori di zucca, sale e un po’ di curcuma. Dieci minuti di cottura e diluito in ultimo con un po’ di acqua della pasta.

Mega madeleine rovesciata

Posted on sabato, marzo 5th, 2016 at 10:44

madeleine

Non ho gli stampini per le madeleines, così ho messo l’impasto nella tortiera e buonanotte.

Ho provato la ricetta senza burro:

150 zucchero

150 farina

100 ml olio (burro sarebbe stato 150 gr.)

2 uova (dovevano essere tre ma ho pensato che così potevano bastare) ben montate con lo zucchero.

uvetta ammollata nel rum, strizzata e poi passata nella farina perchè non finisse tutta sul fondo.

Essenza di limone.  In forno a 180° per 20 minuti.

madeleine1

900 the sequel

Posted on lunedì, febbraio 29th, 2016 at 07:59

900_rev2

Visto il successo del savarin questa volta la torta!!

La crema al mascarpone è stata arrichita della ganache direttamente inside ed è finita spalmata tra due dischi di pan di spagna al cioccolato inzuppato di bagna al rum.

900_rev1Serviva un genere di conforto

Ravioli ai gamberi

Posted on domenica, febbraio 28th, 2016 at 11:06

ravioli ai gamberi

Con l’impasto che ho già usato anche per gli strangolapreti (farina, acqua, sale e poco olio) questa volta pasta ripiena:

gamberetti passati al tritatutto con un po’ di olio, zest di zucchine e cipolla, patate a vapore a cubetti. In ultimo ho aggiunto un cucchiaio di ricotta e un po’ di sale per essere certa che la farcia reggesse la cottura.

Bolliti per un minuto e poi passati in padella con olio, cipolla e lo zest di zucchina che richiama il ripieno.

Da ripetere assolutamente.

Savarin 900

Posted on giovedì, febbraio 25th, 2016 at 20:35

savarin900_la_bomba

Non è un vero savarin, non è un torta novecento *…

ma quanto è buono!!

L’ho fatto così:

Ho foderato lo stampo da budino con i pavesini ammollati in latte, cacao, caffè, rum.

Ho preparato la crema novecento con mascarpone (una confezione), zucchero (un cucchiaio), cacao (un cucchiaio), rum e panna montata (150 gr.) con un po’ di zucchero (un cucchiaio) .

L’ho imbottito con la crema e ricoperto con altri pavesini.

Mentre era in frigo a raffreddare ho preparato la ganache bollendo della panna e aggiungendo il cioccolato fondente.

Ho capovolto lo stampo e ho sepolto il dolce con la ganache.

Una vera bomba! E praticamente non richiede cottura.

savarin900_labomba
* Torta Novecento
La torta Novecento venne inventata alla fine dell’Ottocento dal mastro pasticciere eporediese Ottavio Bertinotti, per celebrare l’arrivo del nuovo secolo. Il brevetto venne tuttavia depositato solo nel 1972 e rilevato in seguito dalla pasticceria Balla, che tutt’oggi produce la torta dalla ricetta segreta. Questo è pertanto l’unico posto nel mondo dove è possibile degustare la torta Novecento originale. Il dolce è composto da due strati di Pan di Spagna al cioccolato separati da uno strato di crema al cioccolato, molto delicata e di difficile imitazione. La superficie è ricoperta da zucchero a velo.

Strangozzi bresaola e primo sale

Posted on sabato, febbraio 13th, 2016 at 12:44

strangozzi

Adattata dalla ricetta di Cristina Lunardini.
Una versione più leggera ma molto saporita.
Rimando al link per preparare la pasta con farina acqua e sale.
(Io per comodità e per non rischiare l’ho tirata con la nonna papera)
Per il sugo:
soffriggere una cipolla nell’olio. Aggiungere all’ultimo le fette di bresaola tagliate a listarelle.
A parte stemperare con una forchetta il primo sale in un po’ di olio. Scolare gli strozzapreti nel sugo con la bresalola, saltare pochi minuti, aggiungere il primo sale e amalgamare il tutto.
Insomma: niente, uova burro o pancetta. Magari non proprio dietetica ma mette la coscienza in pace.

Rose di mele e miele

Posted on sabato, gennaio 23rd, 2016 at 12:46

rose_mele

E’ un po’ che volevo provare queste deliziose sfoglie alle mele.
Sono veramente scenografiche e facili da fare:

mela affettata sottilissima con la mandolina
pasta sfoglia
amaretti sbriciolati
miele

Ecco come prepararle

rose_mele1

per comodità mettere in forno in uno stampo per muffin o nei  pirottini di carta

rose_mele2

15- 20 minuti a 180°

rose_mele3

Le foglioline decorative:

ho scaldato del liquore alle erbe (verde), ci ho sciolto un po’ agar agar e l’ho impastato con dello zucchero a velo.

rose_mele4

Coq au vin

Posted on giovedì, gennaio 21st, 2016 at 07:27

Ovviamente la mia personale versione superveloce.

coq

 

Preparare una riduzione di vino:

mezzo litro di vino rosso, 1 scalogno.

Far sobbollire fino a ridurre circa della metà il liquido. Togliere lo scalogno (La riduzione si conserva in frigorifero per diverso tempo e può essere usata su insalate, formaggi, ravioli.. come guarnizione)

Passare le fette di pollo nella farina e far dorare in padella con olio e un po’ di burro.

Aggiungere la riduzione di vino

coqauvin1

ed eventualmente un goccio di acqua se si asciuga troppo in fretta.

Servito!

coqauvin

si presta molto bene anche con la fettina di vitello per trasformarla nel brasato più rapido che c’è.

Cannoli al torroncino

Posted on mercoledì, dicembre 16th, 2015 at 15:09

cannoli_torroncino

 

Prima di tutto mi scuso con tutti i siciliani che passano di qui.
E li ringrazio molto. Lo spunto del cannolo è stata un’ottima soluzione per quel mattone di torrone che ancora gira per casa dal Natale scorso e ormai deve lasciare il posto a quelli che verranno.
Dunque l’ho fatto a pezzi e sciolto nel microonde con della ricotta e scorza di limone, poi messo a raffreddare.
Per i tubi ho preparato più o meno l’impasto che ho trovato qui.
Farina
Cacao
Olio (anzichè burro)
zucchero
rum (invece del marsala)
pizzico di cannella.
Ho fatto un impasto, diviso a palline che ho spianato e poi velocemente passate in una padella appena unta
un po’ come per les crepes.
Le ho riempite di crema al torrone.

Panna e caramello

Posted on venerdì, dicembre 4th, 2015 at 09:23

Un dolce per le feste di tutto conforto che ancora non avevo mai provato: la crostata alla salsa mou.
Assaggiata al ristorante servita con il caffè è stata una vera scoperta, da provare assolutamente.
moucakex

Per l’impasto della crostata ho usato la solita ricetta, solo al posto della scorzetta questa volta ho usato l’olio esssenziale di limone per uso alimentare (perfetto per smorzare l’eccessiva dolcezza della salsa mou)
Per la salsa mou:
ho preparato il caramello con due cucchiai di zucchero e un velo di burro, ho aggiunto una confezione di panna.
Fate scaldare la panna prima di aggiungerla altrimenti succede quello che è successo a me: il caramello si è trasformato immediatamente in una gigantesca alpenliebe. Comunque indurito o no continuate a girare per un po’ per amalgamare panna e caramello.
Ho rovesciato il caramello sull’impasto steso nella tortiera. 15 min in forno a 200°.

Lucida e morbida al punto giusto è anche un toccasana per tosse e gola arrossata, energetica per combattere il freddo.
La salsa è buona di suo da mettere magari sul gelato, penso proverò anche con un po’ meno panna, un po’ più di burro e un pizzico di sale a fare delle praline caramel beurre salée.

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
siti blog.pianetadonna.it/fiylm motori ricerca

.