Capodanno 2015: concerto di Emma e Gigi D’Alessio

capodanno 2015 concerti gratuiti

Non avete ancora deciso come trascorrere questo Capodanno? Vorreste andare in piazza ma non sapete dove? In questo articolo vi parlerò di Emma Marrone e di Gigi D’Alessio, due cantanti molto amati e seguiti da diversi fan; la prima sarà a Salerno in Piazza Amendola con un concerto che avrà inizio alle 21,30.

Continue reading »

Natale a casa per 48 milioni di italiani, tanti si dichiarano in povertà turistica

Sono 48 milioni gli italiani che resteranno a casa per le festività e 32 milioni quelli che non potranno permettersi una vacanza per motivi economici. Secondo i dati diffusi da Federalberghi sono 12 milioni gli italiani che partiranno tra Natale e Capodanno. Una flessione del 3% rispetto al 2012.

Un italiano su tre è a rischio povertà

In gran parte, gli italiani che si sposteranno per le festività natalizie resteranno in Italia, alloggiando da parenti o amici. Per il Capodanno invece partiranno quasi 6 milioni di italiani, nel 2012 invece il dato era 5.8 milioni. Tra i sei milioni, in molti andranno all’estero “spinti probabilmente da tariffe più vantaggiose che non risentono del clima di oppressione fiscale nel quale le nostre aziende si trovano a lavorare”, sostiene Federalberghi.

Il dato che spaventa, secondo il presidente di Federalberghi Bernabò Bocca è che oltre un italiano su due si dichiara in povertà turistica non potendosi permettere nemmeno una notte fuori casa durante le imminenti festività. “A questo punto è indispensabile – conclude Bocca – che governo e parlamento decidano una strategia comune per far rivedere la luce ad uno dei settori maggiormente trainanti l’economia nazionale e confidiamo che, subito dopo la pausa natalizia, veda la luce il decreto “valore turismo”, per iniziare a dare risposte concrete alle imprese ed al mercato”.

Natale alla Città dell’Altra economia tra spettacoli e mercatini

Dai mercatini ai laboratori per bambini, dagli spettacoli ai concerti. La città dell’altra Economia di Roma ha scelto di festeggiare così il Natale, con una grande ‘Festa dell’altra economia: un altro Natale è possibile‘.

Corsa ai regali economici: ecco qualche idea

La festa dal 14 dicembre al 6 gennaio è dedicata a tutta la famiglia. Obiettivo della festa è dimostrare che l’altra economia già c’è ed è fondata sulla qualità del lavoro e sulla sostenibilità ambientale. L’intento è infatti coniugare sviluppo culturale ed economia, sostenibilità e ambiente, globalizzazione e cultura del territorio.

Sono previste attività per bambini (laboratori, proiezioni, spettacoli) e per grandi (mostre, concerti, spettacoli, teatri, etc.). Tutta la programmazione, disponibile sul sito, è gratuita. I destinatari principali della festa sono i bambini, le bambine, i giovani e le famiglie.

Oltre ai laboratori e ai mercatini - dove i genitori potranno trascorrere qualche ora alla scoperta dell’Altra Economia laziale, dei suoi prodotti e dei suoi servizi – i bambini potranno barattare i propri giocattoli con quelli presenti nella struttura oppure decidere di donare i propri per beneficenza.

Corsa ai regali…economici: ecco qualche idea

Per molte la corsa al regalo è già partita. Ma per chi è ancora indietro e si chiede come fare qualche regalo originale senza spendere una fortuna, ecco qualche consiglio. Per il pensierino di Natale si riesce con abbastanza facilità a comprare qualcosa di carino senza far soffrire troppo il portafogli.

Il baratto online è sempre più di moda

1 – A chi è in coppia fate regali di coppia. Specialmente se convivono. In questo modo fate un solo regalo facendo contente due persone.

2 – Scegliete dei buoni regalo per i negozi preferiti dall’amica o della persona che riceverà il vostro pensierino (dalle librerie agli accessori)

3 – Se in una famiglia ci sono più bambini, con i giochi di società potreste far contenti tutti

4 – Regali eco-solidali vi faranno sentire meglio dato che potrà contribuire ad aiutare anche altre persone senza essere troppo costoso

5 – Fate regali fatti in casa: personalizzati e molto graditi (dalle marmellate agli orecchini all’uncinetto o a qualsiasi altra cosa in cui siete brave)

6 – Non dimenticate il buon gusto in qualsiasi cosa scegliete (tisane e tegliere o candele sono quasi sempre apprezzate dalle amiche e dalle mamme)

Natale a Disneyland Paris, problemi dietro l’atmosfera natalizia

Il Natale si avvicina e Disneyland Paris, come ogni anno, inizia ad accendere la magia con gli spettacoli di luce sul castello. Il problema però è che, dietro le quinte, ci sarebbe tutt’altro che un’atmosfera di armonia natalizia.

Novembre, il mese ideale per fare regali e acquisti

L’Unione Nazionale dei Sindacati Autonomi (Unsa), una confederazione francese dei sindacati, avrebbe infatti scritto al direttore generale di Disneyland Paris per chiedere un miglioramento delle condizioni di lavoro. E questo, secondo quando riporta in esclusiva l’Indipendent, a seguito del tentato suicidio di un dipendente.

Quest’ultimo avrebbe tentato di uccidersi dopo che i suoi superiori avevano richiesto un incontro con lui. Il dipendente si è cosparso di petrolio e un collega gli ha impedito di commettere l’irreparabile strappandogli dalle mani l’accendino. All’interno del parco ci sarebbe una forte tensione, in relazione ai salari e di eccessivo controllo sui lavoratori che probabilmente temono costantemente il licenziamento.

Novembre, il mese ideale per fare regali di Natale e acquisti

Sono in molti ormai a ‘portarsi avanti col lavoro’ quando si avvicina il Natale. La corsa ai regali parte da novembre. E a quanto pare questo sarebbe anche il periodo più economico per tuffarsi negli acquisti. Si tratta infatti del mese degli anticipi di Natale e delle grandi offerte.

Cenone di Natale 2013, aumentano gli indigenti

Ad esempio Euronics permette di comprare ora e pagare a febbraio 2014 con soluzione a tasso zero oppure a rate. Fino al 27 novembre infatti i clienti potranno comprare ora e saldare il conto entro febbraio 2014 oppure avere sconti del 50% sui piccoli elettrodomestici. Nei supermercati succede lo stesso, almeno in Toscana, come sottolinea La Nazione. UniCoop Firenze ad esempio fa il 40% di sconto su 40 prodotti del suo marchio e l’offerta è valida fino al 5 dicembre.

All’Ipercoop c’è invece il 20% di sconto su tutto l’assortimento giocattoli e sul 20 e 25% su alcuni elettrodomestici. E tanti altri punti vendita e supermercati fanno sconti in questo periodo, come A&O, Esselunga, Despar o Outlet Valdichiana. Un motivo in più per agire d’anticipo, che siano regali o acquisti per noi stessi.

Pasqua 2013 all’insegna del risparmio e dell’austerità, ma non si rinuncia al pranzo

Pasqua 2013 all’insegna del risparmio e dell’austerità. La situazione economica disastrosa, la perdita di potere d’acquisto da parte dei cittadini e l’aumento dei prezzi al dettaglio farà sì che molte famiglie italiane taglieranno gli acquisti dei prodotti tipici pasquali.

Leggi anche: Risparmiare su spesa e bollette, ecco qualche consiglio

Questo non significa certo che rinunceranno al pranzo di Pasqua, una tradizione che resiste. Secondo un’indagine del Codacons sulla Pasqua e sui consumi si riscontrano rincari generalizzati per i generi dolciari e i prodotti trasformati con le colombe e le uova di cioccolato che subiscono aumenti medi tra il 6 e l’8% rispetto al 2012.

“I consumi delle famiglie relativi ai beni pasquali risentiranno della pesante crisi economica in atto – ha commentato il Presidente Carlo Rienzi – in particolare per uova e colombe il Codacons stima un calo record degli acquisti fino al -17% rispetto allo scorso anno. Gli italiani tuttavia, pur effettuando tagli, non rinunceranno al classico pranzo di Pasqua in famiglia, e ai beni alimentari tipici come abbacchio e salame, per una spesa complessiva di circa 1 miliardo di euro solo per il pranzo pasquale“.

L’abito da sposa economico e su misura è online, basta cercarlo in tempo

Il giorno più bello della nostra vita si avvicina e dobbiamo cercare un abito ideale ed economico? Non è una missione impossibile. L’abito bianco su misura si può comprare senza spendere una fortuna.

Leggi anche: Il gusto del vintage, l’arte del riciclo e del riutilizzo si diffonde sempre di più

Come? Se ci si rivolge a una sarta professionista in negozio di sicuro il prezzo sale. Ma per poter risparmiare ci viene in aiuto Internet. In rete infatti esistono molte piattaforme che vengono l’abito da sogno progettato sulle vostre misure e che permettono di risparmiare. Innanzitutto dovrete prendervi le misure da sole, o farvi aiutare da una vostra amica di fiducia, e poi potrete provarlo solo ad avvenuta consegna. Meglio quindi optare per i portali che prevedono la prova in un punto vendita o che spediscano il vestito in tempo per poterlo restituire se non dovesse andar bene. Spendere meno si può, in fondo basta evitare i canali tradizionali e partire per tempo.

Partita la corsa ai regali, ma le famiglie spenderanno il 3,7% in meno

Lo shopping di Natale sembra già essere partito ma secondo la Coldiretti gli italiani spenderanno in media 550 euro a famiglia – tra cibo, regali e divertimento – un 3,7%  in meno rispetto all’anno scorso.

Leggi anche: Con la crisi carne e pesce spariscono dalla tavola

Secondo l’indagine ‘Xmas Survey 2012′ di Deloitte, sulla quale si è basata l’analisi della Coldiretti, si scopre anche che il 30% degli italiani acquista i regali prima della fine di novembre, il 40% nei primi 15 giorni di dicembre e il 30% a ridosso del Natale. Come negli Usa “anche in Italia sono in molti ad acquistare i regali in anticipo per avvantaggiarsi dei prezzi più convenienti o per non dover affrontare le lunghe file nell’imminenza delle festività – spiega la Coldiretti – accanto ai tradizionali luoghi di consumo, un successo viene registrato per i mercatini che nel fine settimana si moltiplicano nelle città e nei luoghi di villeggiatura”.

La riduzione della spesa complessiva penalizza soprattutto i regali, che subiscono un taglio dell’8,6 per cento, ed i divertimenti (-0,3 per cento) mentre tiene quella per il cibo (+2,1 per cento). Ai bambini è inoltre destinato il 39 per cento della spesa per regali.

Halloween, creare costumi risparmiando non è un’impresa impossibile

Halloween ormai da qualche anno è diventato molto di moda anche da noi e si festeggia sia in casa che tra gli amici. Però, per i festeggiamenti, non è indispensabile spendere tantissimo. Ci sono alcuni suggerimenti utili per risparmiare con creatività e utilizzare materiali di scarto per costumi spaventosi.

Leggi anche: Bambini in casa, proviamo a fare i biscotti

Ad esempio vecchi vestiti o jeans strappati possono andare benissimo per mascherarsi da zombie, un viso ben truccato completerà l’opera. Diventare una strega è semplice con gonna lunga e camicia nera mentre vecchie lenzuola possono trasformarci in mummie o fantasmi.

Le scatole di cartone possono diventare dei simpatici travestimenti, come lavatrici o mattoncini Lego, basta ritagliare gli spazi giusti per testa, braccia e gambe: per la lavatrice basterà dipingere tutto di bianco e aggiungere successivamente un cerchio di cartone rivestito di carta argentata per fare l’oblò. Per realizzare un vestitino da mattoncino lego basta avere uno scatolone rettangolare grande a cui incollare 6 bicchieri di carta larghi e dipingerlo del proprio colore preferito.