Aspartame: dolcificante sano o veleno pericoloso?

L’aspartame è un sostituto dello zucchero che presenta meno calorie ed è trovato nei supermercati con diversi nomi. È una combinazione di due aminoacidi: acido L-aspartico e L-fenilalanina. Normalmente è trovato in piccoli bustine di dosi unica per aggiungere agli alimenti. Ma è trovato anche in tante bevande gassate diet  ed altri alimenti con ridotta quantità di calorie. È pubblicizzato come una sostanza che aiuta nel controllo del diabete e nella perdita di peso.

Aspartame

L’aspartame è ottenuto dello escremento delle batterie E. Coli modificate geneticamente, quando ingerito se decompone in acido aspartico, fenilalanina, metanolo, formaldeide ed acido formico. Inoltre è il responsabile per più di 75% dei casi di reazioni adverse ad additivi alimentari comunicate al FDA ogni anno, includendo convulsioni, nausea, spasmi muscolari, aumento del peso corporeo, depressione, fatica, irritabilità, palpitazioni, difficoltà nel respirare, ansietà, schizofrenia e morte.

L’uso di stevia è sicuro?

La stevia è estratta di una pianta che gli indigeni della tribù Guaraní dell’America del Sud utilizzavano per dolcificare una bevanda calda molto simile a tisana fatta dell’erba mate (Ilex paraguariensis).

Il estratto ottenuto della pianta è refinato con tecnologie che utilizzano etanolo, metanolo, cristallizzazione e separazione per separare le diverse molecole dei glucosidi.

L’utilizzo del metanolo durante l’estrazione lascia il dubbio se anche la stevia può fare male ma sarebbe importanti ricercare in laboratori attrezzati se questa sostanza rimane presente nel prodotto finale trovato in vendita.

La soluzione semplice sarebbe avere la pianta in un piccolo vasetto in cucina o terrazza e servirsi dell’uso di sue foglie.

 

 

Leave a Reply