Crea sito
POLITICI «BLUFFATORI»!…NON DIFENSORI DELLA SALUTE E DELL’ AMBIENTE COME VORREBBERO DARLA A BERE SACCO &C.

Mad e Saf, hanno stuprato il territorio….lo hanno compromesso per sempre, seminando malattie e morte…hanno speculato sulla pelle e sulle tasche degli ignari ed innocenti contribuenti….e Tutto, solo per il vil denaro!…. Politica collusa!…. Vergogna!

Ricevo e pubblico il comunicato stampa del 30/6/2017 dei Comitati spontanei di lotta  dove insistono i due impianti MAD e SAF:- «Basta Eterni- Fibra Killer» e «Ambiente Salute Colfelice»-

Noi del comitato Basta Eternit e Comitato Ambiente Salute Colfelice ormai da tempo abbiamo compreso che sulle questioni ambientali la politica locale ha sempre fallito.
Si pensi alla farsa inscenata il 28 scorso da parte dei sindaci della provincia che, chiamati dalla SAF per discutere 3 punti all’ordine del giorno, dopo aver risposto in 70 circa e dopo aver votato a maggioranza (con circa 50 voti favorevoli , sicuri 3 contrari e circa 18 astenuti), hanno dato il via libera alla fallimentare gestione dell’impianto, confermando alla presidenza il presidente uscente. E la pochezza di questa classe politica è evidenziata dal fatto che alcuni sindaci si beano ed autoincensano per aver ottenuto assicurazioni dal confermato presidente della clausola revisionale del contratto tra Saf e Comuni, in base alla quale a decorrere dal 1° gennaio 2018 a Colfelice inon saranno più accettati rifiuti proveniente da fuori provincia.
Un modo astuto per buttare fumo negli occhi dei cittadini, con tanto di disputa tra il Sacco di Roccasecca ed il Quadrini di Castelliri nel rivendicare meriti ed onori.
Una domanda nasce spontanea: quali meriti, quali onori?
Forse loro avranno vinto qualcosa. Noi, le nostre comunità di certo no.
Si sono chiesti questi sindaci chi tutelerà il nostro territorio quando, all’indomani del 31 dicembre 2017, autorità superiori continueranno a decretare l’invio dei rifiuti a Colfelice da Roma?
Troppe le ombre sulla gestione dell’impianto sulle quali i sindaci (con qualche rara eccezione, tra cui spicca la posizione critica del sindaco di Colfelice Donfrancecso) potevano chiedere luce e non l’hanno fatto. Perchè?
Un amministratore serio, se crede nell’utilità di una battaglia vera a difesa del territorio che governa non si accontenta di barattare briciole ricevute in cambio di una reale inversione di tendenza nella gestione delle politiche ambientali.
Mad e Saf, Valle del Sacco, questa terra non ne può più!

(Visited 83 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*