“Entrano in uno zoo e uccidono un fenicottero a sassate e calci”. Di per se questa notizia è terribile, ma sapere chi è stato a compiere questo atto di crudeltà lascia un amarezza indescrivibile.

Tre bambini di 5,6 e 8 anni hanno colpito senza pietà alcuni fenicotteri indifesi e uno è morto.

Il fatto è successo nello zoo Jihlava in una regione della Repubblica Ceca. I tre bambini, peggio di veri e propri delinquenti, hanno colpito i fenicotteri con calci e pietre, senza che nessuno intervenisse a fermarli. Uno degli animali è morto e un’altro è stato ferito gravemente.

 

La cosa incredibile è che, dove non è riuscita la natura, è riuscita la mano crudele di tre bambini! Il fenicottero morto, infatti, era sopravvissuto all’alluvione che aveva colpito lo zoo di Praga nel 2002.

I bambini, dopo l’efferato crimine, sono scappati attraverso un bosco ma, due dei tre, sono stati presi. Non hanno espresso nessun rimorso per il loro gesto inconsulto, anzi , non hanno neppure accennato a un minimo di scrupolo. La polizia ha rintracciato i genitori che sicuramente dovranno rispondere del crimine effettuato dai figli.

Purtroppo anche la direzione dello zoo ha mancato di affidabilità e correttezza,tanto che non si presta minimamente a controllare quello che succede. Il massimo della sfrontatezza è stato dimostrato dalla comunicazione fatta dalla direzione stessa: “I visitatori sono pregati di controllare se avvengono abusi sugli animali.”

Non si tratta di uno zoo con gabbie, ma di un parco zoo, dove gli animali sono accessibili ai visitatori, quindi, anche a rischio di incontrare visitatori sociopatici.

La colpa principale, per il compostamente dei bambini, va attribuita ai genitori che non seguono i figli e non gli insegnano il rispetto per la vita, ma anche i responsabili dello zoo dovrebbero svolgere un’attenta e accurata opera di vigilanza e prevenzione.

 

Bisogna fare comunque una profonda riflessione che dovrebbe gettare un segnale d’allarme: se un bambino di cinque anni uccide senza pietà un animale, si farà scrupoli, un giorno, a uccidere un suo simile? Il caso ha dei risvolti veramente inquietanti che riguardano il futuro.

 

I commenti sono chiusi.