I Viticci all’Impruneta

“I VITICCI”
UN SOGNO NEL CHIANTI
NON E’ MODA, E’ AMORE

I Viticci….un Resort vicino all’Arte di Firenze, un posto magico per vivere nel Chianti, dove già il posto concede un imprinting a tutto, olivi d’argento, stanze, tavole apparecchiate, fiori dai colori spudorati, sogni sull’aia, tramonti e paesaggi che cambino toni e colori secondo le stagioni, filari di vite ed infine i sapori e il sapere della cucina “di casa”.
Quando il creativo è tale e lascia che sia il territorio ad esprimersi, tutto il fascino, la storia, le storie più lontane, i segreti culturali di questa terra possono esprimersi e manifestarsi e dare un tono, un appeal, una connotazione. Ed è proprio dalla natura che li circonda che Jacopo e Donatella hanno assorbito un rapporto intenso, una sorta d’amore tra l’uomo e la natura, sempre in bilico fra attese e incontri, segni di appartenenza, ricordi che arrivano da lontano e dunque ritornano chiari, portati in superficie, naturali e spontanei.
Quello di Jacopo e Donatella sembra quasi un paese dei balocchi, I Viticci, già il nome da l’immagine di un rapporto intenso con la terra, come l’amore il viticcio cresce, si aggrappa ai sostegni che trova, si allunga con i suoi ricci per poi esplodere prendendo forza e consapevolezza diventando, da debole motivo ornamentale, un organismo ligneo, così l’amore per questa terra, raccontata ogni giorno, diventando custodi di straordinarie bellezze e di grandi tradizioni legate alla terra, di storiche cantine e castelli, ma anche alla gastronomia; anche quella de I Viticci è “una storia”, il Chianti è fatto di queste belle storie, la storia di mani che “brucano” le olive, colline, cantine e aziende agricole dove i doni della natura ed il sapiente lavoro di generazioni e generazioni di uomini ogni anno portano a staccare dalle vigne i grappoli d’uva che poi diventeranno Brunello di Montalcino, Carmignano, Chianti Classico, Vernaccia, Morellino, Nobile di Montepulciano, e dove la terra è generosa, infatti è impossibile pensare alla Toscana e al Chianti senza associarli alla gastronomia, e Giovanni Musetti, lo chef de I Viticci, nei suoi piatti, racconta le lunghe distese di viti, la tavolozza infinita di sfumature di rosso, di arancio, i gialli, gli ocra, i viola……suggestioni autunnali, richiami alla sua terra.
La cucina dello chef Musetti, sapori colti, che arrivano da ricordi lontani, caldi, avvolgenti e familiari, opera di uno chef fantastico, che ha le stelle nel cuore, e non le cerca sulle guide, allergico ai palcoscenici mediatici il suo è un lavoro di alto artigianato, di ricerca di prodotti che nascono dietro casa, di innovazione, voglia di stupire ma la sua terra e il Chianti e la Toscana rimangono sullo sfondo. E così che in pochi anni ha portato la cucina del Resort ai massimi livelli qualitativi, la sua creatività stupisce sicuramente, perché, con la qualità, ha coniugato un percorso che unisce la tecnica con il territorio.
Certo, l’impronta di Giovanni Musetti è marcatamente evidente nelle portate principali, che risentono di un timbro che è connaturato nella storia professionale dello chef, tutto percorso nella sua terra, un viaggio intorno alle colline terrazzate, ai tornanti e i muretti a secco, i torrenti, le ampie distese di filari di viti, i cipressi, i colori e le tonalità diverse, i dolci paesaggi del Chianti, terre da olio e da vino, ettari e ettari di vigneti, ma anche terre di uomini, storie di famiglie e lavoro di generazioni, dove la terra è generosa e dove vivere diventa un sogno.
Resort Agriturismo I Viticci
Via S. Lorenzo a Colline, n 8, 50023 Impruneta FI
Telefono: 328 326 5666
Press: Cristina Vannuzzi
gallerymatrimoni05a_2_135798I Viticci20160910-130555_2_135798gallerymatrimoni05_2_13579803_b

Precedente Chaine des Rotisseurs Como a Villa Sormani Misseglia Successivo Angela Bellomo alla Chaine des Rotisseurs Como